Maxi provvedimento economico da 55 miliardi

Il decreto Rilancio: alcuni punti in breve

Nella serata di ieri, martedì 19 maggio 2020, il decreto Rilancio è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale ed è in vigore a partire da oggi.

Si tratta di un maxi provvedimento economico da 55 miliardi contro la crisi causata dal coronavirus il quale comprende, fra le altre misure:

  • Bonus partite IVA a 600 euro (1.000 euro nel caso in cui si dimostrasse di aver registrato perdite superiori al 33% rispetto al fatturato dello stesso periodo nel 2019)
  • Proroga cassa integrazione
  • Proroga Naspi e DIS-COLL (indennità di disoccupazione)
  • Stop licenziamenti (per cinque mesi) e possibilità di revoca di licenziamento avvenuto tra il febbraio 2020 e il 17 marzo 2020, a condizione che venga contestualmente richiesta la cassa integrazione in deroga
  • Bonus colf e badanti a 500 euro
  • Bonus baby sitter a 1.200
  • Reddito di emergenza (indirizzato alle famiglie che non ne percepiscono già alcuno con un ISEE inferiore a 15.000 euro. La durata del reddito di emergenza è di due mesi e l’importo del sostegno va da un minimo di 400 euro a un massimo di 800 euro).
  • Regolarizzazione e permesso di soggiorno temporaneo per lavoratori stranieri
  • Aumento permessi 104 (i giorni spettanti per chi già gode dei permessi previsti dalla Legge 104 vengono addizionati di 12 giorni in totale)
  • Proroga congedo parentale
  • Smart working per i genitori
  • Contributi a fondo perduto (a favore dei soggetti esercenti attività d’impresa e di lavoro autonomo e di reddito agrario, titolari di partita IVA)
  • Stop all’IRAP
  • Bonus bollette (riduzione delle bollette elettriche per le imprese in riferimento ai mesi di maggio, giugno e luglio 2020)
  • Credito d’imposta del 60% per gli affitti (nel caso l’impresa abbia fatturato meno di 5 milioni di euro nel periodo di imposta precedente, anche nel caso di attività di lavoro autonomo. Tale vincolo non è previsto, invece, per le imprese del settore turistico-ricettive, che ne beneficiano in ogni caso)
  • Proroga scadenze fiscali al 16 settembre 2020 (IVA, ritenute d’acconto,contributi previdenziali,contributi Inail, atti di accertamento,cartelle esattoriali e gli avvisi bonari,rate della rottamazione-ter e del saldo e stralcio)
  • Bonus sanificazione
  • Sovvenzioni per le aziende:  come lo sblocco di debiti della Pubblica Amministrazione (PA) per 12 miliardi di euro, la sospensione della TOSAP per bar e ristoranti (tassa dovuta all’occupazione del suolo pubblico), sconti sugli investimenti per chi decide di puntare su aziende in crisi.
  • Bonus 1.000 euro lavoratori stagionali
  • Fondo per il turismo da 50 milioni di euro
  • Bonus vacanze (500 euro ad ogni famiglia con ISEE inferiore a 40.000 euro da spendere per le proprie vacanze in Italia nel 2020 in strutture ricettive)
  • Stop IMU alberghi e stabilimenti
  • Bonus biciclette e monopattini elettrici(5 00 euro per chi acquista biciclette, monopattini elettrici o altri mezzi di mobilità sostenibile)
  • Rimborso abbonamenti mezzi pubblici per chi non ne ha usufruito
  • Ecobonus 110% ristrutturazioni