A Bagnacavallo

Sarà Paolo Hendel ad inaugurare la stagione 2011/12 del Teatro Goldoni di Bagnacavallo con l’anteprima dello spettacolo “Molière a sua insaputa”. La pièce nasce da un progetto dello stesso Hendel con il regista e drammaturgo Leo Muscato e andrà in scena martedì 15 novembre alle ore 21.

Dopo il debutto a Bagnacavallo, l’attore toscano presenterà lo spettacolo al Teatro Comunale di Cervia (16 e 17 novembre) e al Teatro Diego Fabbri di Forlì (18 novembre).

 

Un insolito Paolo Hendel, nei panni di un improbabile Molière, accetta l’invito della trasmissione televisiva A sua insaputa.
Convinto di partecipare a una serata celebrativa e promozionale della sua opera, questo buffo Molière non sa ancora che in quel programma, una specie di Serata d’Onore surreale che ospita illustri personaggi del passato e del futuro, accadranno eventi singolari al limite del paradossale.
In un turbinio comico di equivoci e fraintendimenti, la serata ben presto assume i connotati dell’inquisizione: la sua vita privata, la sua opera, le sue grottesche idiosincrasie, sono analizzate, scandagliate, vivisezionate. L’ingenuo Molière prova a giustificarsi, ma la conduttrice (una strana figura mefistofelica, con bizzarri abiti contemporanei e un’anacronistica parrucca seicentesca) non gli dà tregua. Sadica e soave, chiama in causa una sequela di bizzarri opinionisti e giornalisti con nomi desueti tipo Argante, Orgone, Alceste, Cleante, Tartufo che gli sproloquiano i testi delle sue commedie. Molière riconosce in loro i suoi personaggi, e tutti gli si rivoltano contro. Lo accusano di aver copiato le sue opere dai comici italiani; di essere diventato uno scrittore di corte sempre pronto a compiacere i gusti del Re; di aver sposato sua figlia e aver concepito con lei dei bambini.
Siamo alle solite: tutti lo vogliono processare e lui è costretto a giustificarsi.
Adesso è la sua stessa vita ad assumere il carico tragicomico dei personaggi che portava in scena. La conduttrice sostiene che le sue farse sono ormai datate, che non fanno più ridere nessuno, e per dimostrarglielo lo invita a recitare delle scene. Lui raccoglie la sfida.

 

Biglietti: prevendite e prenotazioni telefoniche martedì 15 novembre dalle ore 10 alle ore 13 presso il botteghino del Teatro Goldoni (Piazza Libertà 18, Bagnacavallo – tel. 0545/64330).
Prevendite on line: www.accademiaperduta.it – www.vivaticket.it
Prezzi: da 19 a 11 euro – Info: 0545/64330 e www.accademiaperduta.it