L’opera del maestro di Norimberga era custodita fino al 1969 nel monastero delle suore Clarisse Cappuccine e poi venne venduta al collezionista Luigi Magnani. Resterà in esposizione fino al 2 febbraio

Sabato 14 dicembre alle 17, dopo cinquant’anni, la tavola di Albrecht Dürer nota come Madonna di Bagnacavallo tornerà  nella sede dove è stata conservata per tanti anni, il monastero delle suore Clarisse Cappuccine, oggi sede del Museo Civico. La presentazione ufficiale al pubblico del temporaneo ritorno della tavola di Dürer si terrà sabato 14 dicembre alle 17 alla chiesa di San Girolamo, di fronte al museo. Dalle 18.30 sarà possibile ammirare l’opera nella sala didattica al piano terra (per l’occasione il museo resterà aperto fino alle 23). L’accesso sarà limitato a trenta persone per volta, per garantire la sicurezza. Al piano superiore sarà visitabile la mostra di incisioni “Albrecht Dürer. Il privilegio dell’inquietudine” con oltre 120 opere provenienti da collezioni pubbliche e private italiane. 

Il dipinto resterà in esposizione presso il Museo Civico fino al 2 febbraio.

Questi gli orari: martedì e mercoledì 15-18; giovedì 10-12 e 15-18; da venerdì a domenica 10-12 e 15-19. Chiuso il lunedì, Natale, l’1 e il 7 gennaio, aperto il 26 dicembre e il 6 gennaio. Ingresso libero. Il Museo Civico delle Cappuccine è in via Vittorio Veneto 1/a.

Informazioni: tel. 0545 280911 – www.museocivicobagnacavallo.it – [email protected]