La vice sindaca di castel Bolognese, Esther Ricci Maccarini
La vice sindaca di castel Bolognese, Esther Ricci Maccarini

Un progetto dedicato all’incontro tra donne castellane di origine straniera e donne castellane autoctone

Mercoledì 4 maggio, a Castel Bolognese, alle 10, nella sede del centro sociale Auser ‘La Torre’, verrà presentata la terza edizione del progetto “La forza delle tradizioni”, progetto dedicato all’incontro tra donne della cittadina sulla via Emilia. Il progetto, frutto del lavoro iniziato tre anni fa dall’amministrazione comunale, in collaborazione con il Tavolo Sociale, e sostenuto dalla Regione, per l’edizione 2022 vuol sviluppare la conoscenza tra donne di tutte le etnie che risiedono in città. Nel corso degli anni ci si è infatti resi conto che il bagaglio culturale di esperienze che le nuovi residenti portano con loro è spesso sconosciuto alla comunità. Un bagaglio che si tramuta in una ricchezza di informazioni e nuove possibilità di vivere in sintonia, magari sviluppando nuove amicizie e forme di collaborazione.

Il percorso prevede tre fasi: la raccolta delle interviste alle donne di origine straniera che da vari anni vivono in territorio castellano, che hanno già collaborato negli anni precedenti attraverso la partecipazione ad incontri formativi. Successivamente saranno loro stesse che andranno ad intervistare le donne arrivate in tempi più recenti o che per diversi motivi faticano ancora ad interagire col territorio. In particolare in questo secondo step saranno intervistate le donne che oggi frequentano il corso di lingua italiana. Grazie alle traduttrici queste storie verranno scritte e raccolte in piccoli quaderni e saranno poi presentate a tutta la cittadinanza nei mesi successivi, organizzando una festa che possa valorizzare e mettere a confronto le storie e le tradizioni di cui ognuno è portatore. “Lo stare insieme, l’incontro, il confronto e la scoperta o riscoperta delle nostre origini -dichiara l’assessora ai servizi sociali Ester Ricci Maccarini – sono oggi un ingrediente fondamentale per realizzare un dialogo di pace e di crescita collettiva”.

Il progetto è dedicato alle donne, di qualsiasi età e provenienza.

Per info: Villaggio Globale coop. Sociale – 349 6481710 (Eleonora).