Dureranno fino a dicembre

Inizierà il prossimo 3 novembre e terminerà il 1* dicembre 2010, il programma di 5 incontri culturali denominati “Il sale della storia. Cervia e la Romagna tra passato e presente”, che si svolgeranno al mercoledì pomeriggio, alle ore 17, nel Palazzo comunale antistante Piazza 25 aprile. 

Gli incontri sono promossi dall’Associazione Culturale Casa delle Aie Cervia, in collaborazione con la Consulta del Volontariato, il Gruppo Culturale Civiltà Salinara, il Circolo Pescatori La Pantofla, il Gruppo Archeologico Cervese, l’Associazione Culturale Castiglionese Umberto Foschi e la Libera Università per Adulti di Cervia e sono patrocinati dal Comune di Cervia.

Il primo incontro culturale si svolgerà il 3 novembre e sarà dedicato al poeta Tolmino Baldassari, recentemente scomparso. L’iniziativa vedrà la partecipazione di Gianfranco Lauretano, Gianfranco Camerani e Renato Lombardi.
La seconda iniziativa (10 novembre) approfondirà il tema: Musei del Mare. Le attività, le iniziative, i laboratori didattici. Esperienze a confronto. Interverranno Maria Lucia De Nicolò, Direttore del Museo del Mare di Pesaro, Cristina Mazzoli. curatrice delle attività didattiche del Museo della Marineria di Cesenatico ed Annalisa Canali, Direttore del Museo del Sale di Cervia.
Il successivo incontro del 17 novembre, sarà incentrato sulla tematica: La Romagna, Cervia e l’Unità d’Italia, con interventi di Ottorino Bartolini e Renato Lombardi.
Il sale dolce di Cervia nella cucina romagnola sarà il tema dell’incontro del 24 novembre. Relatore sarà Graziano Pozzetto, enogastronomo e scrittore.
“Ricordando Umberto Foschi nel decennale della scomparsa” sarà il tema dell’incontro conclusivo del 1° dicembre 2010. Renato Lombardi ricorderà Umberto Foschi, come grande storico di Cervia e della Romagna. Dante Bolognesi e Cristina Ghirardini presenteranno le attività e le iniziative di Casa Foschi – Centro per il dialetto romagnolo.
L’ingresso agli incontri è libero. Sono previste proiezioni di audiovisivi e la distribuzione di schede conoscitive e di materiale informativo sugli argomenti trattati.
Oltre che dare un contributo al recupero dell’identità storica del territorio, le iniziative sono anche rivolte al personale insegnante delle scuole, per consolidare il rapporto di collaborazione con la realtà dell’associazionismo culturale locale.