Finisce 2-4

La Riviera cala il poker e sbanca il terreno del Fiammamonza nella quarta di ritorno di serie A (4-2), tornando al successo dopo il pari contro il Firenze: partenza a razzo della formazione giallo-rosso-blù che al 6’ trovava il vantaggio con una staffilata di destro dal limite di Sara Pastore che si insaccava sotto la traversa; nemmeno un minuto ed il centrocampista giallo-rosso-blù concedeva il bis: combinazione Sodini-Petralia sulla corsia di destra, cross basso per l’accorrente Sara Pastore che di destro chiudeva in gol all’angolino lontano (7’). Le ragazze di Massimo Agostini continuavano a premere e sfioravano il tris con un potente diagonale di Patty Caccamo, respinto da Ripamonti addosso a Simona Sodini, con la sfera che si spegneva sul fondo (19’); le brianzole crescevano di tono, rendendosi pericolose con una conclusione di Viola Brambilla, parata a terra da Silvia Vicenzi (31’), poco prima dello splendido 2-1 firmato da Gaburro, la migliore delle biancorosse, con una bordata di destro dal limite che si insaccava all’incrocio dei pali (35’). Le padrone di casa ci credevano e nel finale siglavano il pari con un gran sinistro dal limite di Ramera che si insaccava all’angolino (45’); tutto da rifare per le ravennati, che nella ripresa però innestavano la quinta e si riportavano subito in vantaggio con una ‘perla’ di Linda Tucceri Cimini che dal vertice destro dell’area sparava un missile su punizione che si infilava all’incrocio dei pali opposto (2’st), trovando poi anche la quarta rete grazie ad una percussione di Alice Cama che resisteva al ritorno di un difensore, entrava in area da destra e di giustezza insaccava in rete il 4-2 (20’st). La stessa Cama, poco dopo ci riprovava con una fiondata da fuori, deviata in angolo dal numero uno ospite (34’st): sul susseguente corner da sinistra, testa di Michela Greco e palla alta; qualche istante più tardi Sara Pastore sfiorava ‘l’hat-trick’ con un gran destro dai 25 metri che sbatteva sulla traversa (38’st), ripetendosi poco dopo con una rasoiata dal limite, deviata in angolo da Ripamonti (39’st).