Foto Shutterstock.com

Candidature entro il 30 agosto

“Azione Province Giovani” – APS – è un’iniziativa finanziata dal Fondo Nazionale per le Politiche Giovanili, finalizzata a sperimentare interventi di area vasta, attraverso il coinvolgimento di diversi livelli istituzionali, l’associazionismo giovanile e tutti gli attori che, a vario titolo, si occupano di giovani, evidenzia il Comune in una nota.

L’obiettivo del progetto è quello di sostenere il coinvolgimento attivo dei giovani, valorizzando le reti della società civile, le organizzazioni sociali attive nel territorio, le scuole e le istituzioni locali. Al tempo stesso, si vuole favorire lo scambio di buone pratiche, l’apprendimento reciproco e la cooperazione tra i diversi contesti territoriali coinvolti nei progetti.

L’iniziativa mette a bando ogni anno risorse per la realizzazione di progetti rivolti ai giovani (14-35 anni). E’ in questo quadro che il Comune di Cervia, aderendo alla richiesta di Unione Pprovice d’Italia (UPI) Emilia-Romagna, si fa promotore della raccolta di manifestazioni di interesse da parte di giovani cervesi dai 18 ai 35 anni a partecipare a gruppi di lavoro coordinati da UPI Emilia-Romagna per la messa a punto di un progetto da candidare nell’ambito del bando 2022, la cui uscita è prevista a settembre.

Non occorrono competenze particolari, solamente curiosità, serietà, e propensione alla collaborazione attiva. I giovani interessati si incontreranno online e di persona coordinati dagli esperti di UPI Emilia-Romagna per co-progettare azioni per i giovani sulle seguenti tematiche:

– Contrasto alla dispersione scolastica e orientamento personale e professionale

– Giovani e nuove tecnologie

– Azioni di contrasto al disagio giovanile

Chi fosse interessato a partecipare e/o a saperne di più su tempi, logistica, organizzazione, può scrivere, entro il 30 agosto 2022, a informagiovani@comunecervia.it, oppure chiamare il Centro Informagiovani del Comune di Cervia allo 0544.979265 (martedì e giovedì dalle ore 15:00 alle ore 18:00).

L’Assessora alle Politiche Giovanili Bianca Maria Manzi: “Abbiamo aderito con entusiasmo al progetto, in quanto riteniamo si tratti di un’occasione di partecipazione, che possa favorire la crescita, la formazione e l’incontro fra giovani provenienti dal territorio regionale, per discutere le loro priorità e problematiche, oltre che per co-progettare insieme attività che potranno essere finanziate grazie ai fondi messi a bando dall’iniziativa”.