Appuntamento da domani

Spegne 561 candeline la “Festa della Segavecchia”, in programma dal 15 al 18 marzo a Cotignola. La manifestazione più antica della cittadina bassoromagnola si ripete dal lontano 1451, ponendosi ogni anno metà strada fra il primo giorno di Quaresima e la Pasqua Cristiana, per ricordare il momento del processo alla strega di Cotignola, colpevole di aver maledetto Francesco Sforza, duca di Milano e signore di Cotignola, e per questo condannata ad essere decapitata ed arsa sul rogo.

 

Il cartellone proposto dalla Pro Loco è ricchissimo e spazia dalla rievocazione storica al folklore romagnolo, in una quattro giorni di arte, musica, cultura e gastronomia. A fare da corollario agli spettacoli veri e propri che prenderanno spazio in piazza Vittorio Emanuele II, numerosi eventi e mostre che animeranno Cotignola.  Aprirà la Segavecchia, giovedì 15 marzo, alle 18,  l’inaugurazione della Casa-Studio del Maestro Varoli, dopo i nuovi allestimenti.  Venerdì 16 marzo, invece, è in programma la visita guidata Storie di cartapesta: dai mascheroni di Varoli alle maschere dei bambini con Massimiliano Fabbri (ore 21). Da giovedì 15 a domenica 18 marzo, in occasione della sagra della Segavecchia il Museo Civico Luigi Varoli rispetterà un’apertura straordinaria  nei seguenti orari: dalle 15.30 alle 18.30 e dalle 20.30 alle 22.30, domenica anche dalle 10 alle 12. Sarà allestita fino al 18 marzo infine la mostra fotografica del concorso nazionale ‘Premio Segavecchia’ organizzato dal Fac Fotoamatori Cotignola. Sabato 10 marzo, alle ore 15.30, Palazzo Sforza ospiterà la premiazione ufficiale del concorso.
Come da tradizione inoltre largo spazio alle specialità locali che potranno essere gustate ogni sera di festa, a partire dalle ore 19, allo stand gastronomico “La Cà di Mèt”.

Giovedì 15 marzo è il momento della rievocazione storica con la tradizionale sfilata in costumi medievali con i rioni cotignolesi e lo spettacolo teatrale ‘Processo alla Strega’ a cura di Acropolis.  Il venerdì serata dedicata al gioco con ‘Gioco a quiz Dottor Why?’. Sabato 17 marzo è all’insegna della musica con il concerto in piazza di Gianni Drudi. Come da tradizione, la festa culminerà la domenica con il corso mascherato della Vecchia con carri e gruppi a piedi di prima visione, l’intrattenimento della Banda Folkloristica ‘La Castellana’ di Lucca,  il corteo storico, cavalli, musici e figuranti in costume medievale. A chiudere la festa più sentita di Cotignola, la lettura della sentenza di condanna a morte ed il rogo della Vecchia.