La manifestazione al via a Riolo Terme il 21 maggio

“Alberghi pieni, record d’iscritti e altissimo livello tecnico con ciclisti provenienti da tutta Europa. Di più non potevamo fare”. È quanto ha dichiarato il presidente del Romagna Bike Grandi Eventi Stefano Quarneti organizzatore del 5° Rally di Romagna Mtb, che si terrà a Riolo Terme dal 21 al 25 maggio prossimi.

Saranno cento i selezionatissimi bikers che parteciperanno alla “cinque giorni” di mountain bike e provengono da tutti i paesi europei.
“”Anche quest’anno – spiega Quarneti – si annuncia una rassegna spettacolare. Abbiamo fatto tutto quello che era nelle nostre umane possibilità per garantire alla città di Riolo un evento di grande valore tecnico. Cento iscritti era la soglia che, per questioni logistiche, ci eravamo prefissati. Tra questi, come sempre, ci sono nomi quotati della disciplina. A questo punto, speriamo che il meteo ci dia una mano e che, alla fine, sia per tutti una grande settimana di ciclismo.

 

La rassegna che è ormai una classica delle “ruote grasse, vuole essere soprattutto una sintesi delle capacità organizzative, imprenditoriali e turistiche di Riolo Terme, che in questa occasione, ha messo in rete tutte le sue migliori risorse per tramutare una corsa ciclistica in una vetrina promozionale di grande livello.

 

Centro del tracciato il parco della Vena del Gesso con le sue antiche cave, uno scenario esclusivo e, soprattutto, non riproducibile in altre location: “Il parco – prosegue Quarneti – è il valore aggiunto di questa manifestazione. Il resto, lo farà la gente di Riolo che comincia ad identificarsi con questo evento anche grazie all’appoggio dell’amministrazione comunale e della locale Pro Loco che continuano a darci un grande sostegno”.

 

I tracciati del Rally di Romagna, proprio in questi giorni, stanno per essere allestiti con le bandierine colorate, sotto la supervisione tecnica di Giancarlo Cassani che, da mesi, in sella alla sua mtb, sta ripercorrendo, metro dopo metro, i quasi 300 chilometri dei cinque percorsi per verificarne la sicurezza”.