Rappresentanti della Coldiretti consegnano i pacchi dono al sindaco di Faenza, Massimo Isola e all'assessore ai servizi sociali Davide Agresti

I pacchi dono, contenenti generi alimentari, sono andati a due famiglie del Comune di Casola e quattro di Faenza

In un momento di grande difficoltà a causa della crisi dovuta alle misure assunte a livello nazionale per la gestione della pandemia da Covid molte le famiglie si trovano in difficoltà anche nel reperire beni di prima necessità. In queste settimane tanti sono i gesti di solidarietà da parte di semplici cittadini e associazioni nei confronti di chi è coinvolto in questa situazione particolarmente delicata.

Ultimi in ordine di tempo la sigla della Coldiretti che ha avviato una campagna a livello nazionale di solidarietà. Gli imprenditori agricoli di Coldiretti Ravenna sono infatti impegnati da giorni nella consegna di pacchi della solidarietà contenenti cibo contadino a origine garantita destinati alle famiglie in difficoltà. Nei giorni scorsi rappresentanti della Coldiretti hanno consegnato due pacchi viveri al Comune di Casola Valsenio e quattro a quello di Faenza. Le sei famiglie a cui verranno recapitate le scatole sono state individuate da Settore dei servizi alla comunità tra quelle maggiormente bisognose. Ogni confezione, dal peso di oltre venti chilogrammi, contiene confezioni di pasta, passata di pomodoro, olio, salumi, formaggi, succhi di frutta, Parmigiano Reggiano e ovviamente frutta made in Italy.

“Dai coltivatori un segno di speranza per far sentire la vicinanza e il nostro calore a tutte le persone meno fortunate – ha detto il presidente di Coldiretti Ravenna, Nicola Dalmonte -; la qualità dei nostri prodotti, il valore delle produzioni delle filiere ‘Made in Italy’, sono un patrimonio per il Paese ed è giusto che tutti, anche chi ha difficoltà impreviste, possa goderne. Per la distribuzione, conclude, ci siamo rivolti ai comuni che meglio di chiunque altro, attraverso le proprie strutture, conoscono i territori e le persone in difficoltà. Il nostro auspicio è che l’esperienza non rimanga limitata a questa occasione ma diventi un momento consueto”.


“Un gesto -ha invece sottolineato Davide Agresti, assessore ai servizi alla comunità del Comune di Faenza- sia sostanziale che simbolico per il quale ringrazio di cuore la Coldiretti. Sostanziale perché di effettivo supporto e stimolo per la convivialità familiare, ingrediente fondamentale per vivere l’atmosfera di festa in questi giorni. Simbolico perché ci ricorda, una volta di più, che il nostro territorio e la nostra città é terra fertile di solidarietà e collaborazione”.