Un momento della conferenza stampa
Un momento della conferenza stampa con il sindaco Massimo Isola, il ct della nazionale Davide Cassani e l'assessore allo sport del Comune di Faenza, Martina Laghi

“Grande attenzione alla sostenibilità e al benessere” Faenza ama la bici e i ciclisti

Venerdì 18 giugno da Faenza prenderanno il via i Campionati italiani di ciclismo su strada. La prima parte della ‘tre giorni’ prenderà il via venerdì, con partenza e arrivo dalla città manfreda, con tre cronometro (Elite Uomini, Elite Donne e Junior Donne). Entrando nello specifico, il percorso della cronometro uomini élite misura 45,7 chilometri per 450 metri di dislivello. Dopo la partenza da Faenza le asperità saranno a Monte Poggiolo (178 m slm), Cima Sabbioni (158 m slm) e via Agello (166 m slm) prima di tornare nuovamente a Faenza, con l’arrivo in piazza del Popolo. La prova femminile ricalcherà lo stesso percorso per un totale di 33,3 chilometri mentre quella juniores donne si disputerà su una distanza di 15,6 chilometri.

Questo il percorso: i ciclisti, dopo la partenza che verrà individuato al lato della fontana monumentale, curveranno subito a sinistra in corso Saffi e dopo aver scavalcato il Ponte delle Grazie, percorreranno via Cimatti, via delle Vigne, via Gesuita, via Ossi, nel forlivese, per poi rientrare nel comune di Faenza da via Santa Lucia; a seguire i corridori proseguiranno su via Canovetta, via Agello, lungo l’abitato di Marzeno, sulla provinciale modiglianese verso Faenza, attraverseranno il fiume Lamone sul Ponte Rosso, imboccheranno via Lapi e da Porta Montanara svolteranno per corso Matteotti per poi confluire verso l’arrivo fissato in piazza del Popolo. Simile il percorso per la cronometro ‘Elite donne’ ma accorciato a 33 chilometri mentre ulteriormente ridotto a 15.6 chilometri, invece, quello riservato alle junior, sempre con arrivo in piazza del Popolo.

In occasione dell’arrivo della tappa faentina dei Campionati italiani ‘in linea’ l’amministrazione di Faenza si è dotata di un nuovo logo, WeLovesBiking, che accompagnerà il calendario dei futuri appuntamenti dedicati alla bicicletta e del vivere sano, una svolta green, orientata a incentivare la mobilità sostenibile e uno stile di vita sano all’aria aperta, quello che sta mettendo in campo Faenza, che vuol diventare città di riferimento per le due ruote. Nasce da qui il calendario di eventi “emozioni a catena” e la nuova campagna di immagine “We love biking”.

“Dopo il passaggio della quinta tappa del Giro d’Italia e la partenza di quella del Giro E, evento collaterale alla gara rosa -spiega il sindaco Massimo Isola- venerdì 18 Faenza, con le tre ‘crono’, farà da apripista alla gara ‘in linea’ della domenica successiva che ricalcherà il percorso dei Mondiali su strada dell’anno scorso attraversando anche i territori collinari della Romagna faentina. Ospitare una tappa di questo livello -continua Isola- è una grande opportunità per la città da un punto di vista sportivo e di promozione del territorio. È per questo che abbiamo voluto farci trovare pronti con il percorso; nelle scorse settimane siamo intervenuti su 10 chilometri di manto stradale, un impegno del quale beneficeranno non solo i ciclisti ma tutti gli appassionati del pedale”.

“Poter percorrere le strade così ben asfaltate tra le splendide colline del faentino -ha invece detto il Ct della nazionale di ciclismo e presidente dell’Apt dell’Emilia-Romagna, Davide Cassani- è un vero piacere. In questi giorni ho infatti affrontato in bici le tappe che da venerdì i corridori faranno e ho potuto godere appieno del panorama che si ammira”.