Il Ponte Bailey di Faenza

L’avambecco ha toccato la rampa realizzata sul lato del centro attorno alle 16.30 di lunedì

Davanti a tantissimi curiosi che si sono ritrovati tra il ponte delle Grazie e via Renaccio nel pomeriggio di lunedì, attorno alle 16.30 la parte anteriore, che in gergo tecnico viene chiamato avambecco, del ponte in metallo del tipo Bailey ha toccato i rulli posizionati sulla sponda sinistra del fiume Lamone. Sul posto i tecnici dell’Unione della Romagna Faentina che hanno sovrinteso ai lavori e delle ditte coinvolte nel progetto. La scena non ha mancato di attirare moltissimi faentini, curiosi di assistere a un momento importante per la città.

Come si ricorderà il ponte Bailey è stato voluto dall’amministrazione manfreda per alleggerire il traffico cittadino che, dopo la chiusura alla circolazione del Ponte delle Grazie in seguito alle alluvioni di maggio dello scorso anno, si è riversato sull’unico collegamento tra il Borgo e il centro città, il Ponte della Memoria.

Con le operazioni di oggi la posa del ponte Bailey non è conclusa. Se pur finita una fase importante, quella dell’appoggio del manufatto in metallo dall’argine destro a quello sinistro del Lamone, nei prossimi giorni i tecnici della ditta incaricata dovranno smontare la parte anteriore e portare ancora avanti la struttura definitiva. Successivamente al montaggio della base sulle quali i veicoli potranno attraversare il ponte, si dovranno completare le operazioni di collaudo per poi aprire, in un unico senso, dal centro verso il Borgo la circolazione. Non appena sul Ponte delle Grazie saranno ultimate le operazioni di manutenzione straordinaria, su quest’ultimo sarà possibile la circolazione, dal Borgo verso il centro città.