Ranalli: “Approviamo anche il progetto della nuova scuola dell’infanzia”

“Grazie alle decisioni chiare che questa giunta ha condiviso, stiamo lavorando celermente per trasformare in realtà le risorse che ci sono state assegnate dal PNRR”.

Il sindaco Davide Ranalli, nel bilancio di fine anno, passa in rassegna un 2022 che ha visto Lugo ritrovare il suo teatro Rossini, candidare la città a capitale del libro 2023e inaugurare il corso di laurea professionalizzante in Meccatronica.

Allo stesso tempo l’Amministrazione sta affrontando I rincari delle utenze – energia elettrica e gas – che mediamente hanno pesato sulle casse comunali con un +135%. Una dinamica, quella del caro energia e dell’alta inflazione, che si riversa sull’aumento dei costi delle materie prime e tocca da vicino le imprese con inevitabili ripercussioni anche sui lavori pubblici, sulla loro durata e sulla possibilità di trovare aziende sul mercato.

In questo quadro l’Amministrazione Comunale guarda comunque avanti e può contare su un tesoro di risorse PNRR di circa 10 milioni di euro.

A un anno esatto dall’assegnazione dei primi 5 milioni di euro per i progetti di rigenerazione urbana, il Comune è in procinto di affidare i lavori, il prossimo 9 gennaio, per il recupero e l’efficientamento energetico di Palazzo Rossi (1.250mila euro) mentre sono state pubblicate in questi giorni le gare per il nuovo Auditorium (2.250mila euro), il ponte della Pungéla a Villa San Martino (600mila euro) e il restauro di un’ulteriore ala del complesso del Carmine (300mila euro). Un timing molto stringente, necessario per rispettare gli impegni del PNRR: “ringrazio il nostro ufficio Lavori Pubblici che sta dando il massimo”, sottolinea il sindaco.

L’ultimo step del progetto della pista ciclabile da Villa San Martino a Lugo sarà pronto nelle prime settimane del 2023.

Ma c’è un’ulteriore, importante, novità. Nell’ultima riunione dell’anno la giunta si prepara ad approvare il progetto definitivo della nuova scuola dell’infanzia, finanziata con 3 milioni di euro del PNRR e ulteriori 300 mila euro che sono stati riconosciuti per la progettazione (arch. Alessandro Bucci). La scuola, un edificio su un unico piano con cinque sezioni per circa 1400 metri quadri e un’area esterna di circa 4000 metri quadri, l’impianto solare e geotermico per la produzione di acqua calda, il riscaldamento a pannelli a irraggiamento nel pavimento e l’impianto fotovoltaico per la produzione di energia elettrica verrà realizzata nell’area di largo Corelli, su via Lorenzo Da Ponte, e darà vita, con il vicino nido Corelli, a un polo dell’infanzia 0/6.

Un altro affidamento dei lavori, avvenuto nelle scorse settimane, è quello per l’efficientamento energetico del centro sociale di Villa San Martino (130 mila euro).

Ugualmente stanno procedendo altri lavori resi possibili da risorse PNRR per cui il 2023 sarà un anno decisivo: il completamento del bacino di laminazione di Lugo Ovest e l’avvio dei lavori per quello di Lugo Sud, due interventi fondamentali per la tutela del territorio.

Accanto a questi importanti capitoli della spesa per investimenti il Comune proseguirà nella manutenzione delle strade e del verde che riguardano la spesa corrente, pur in un quadro reso complicato dalla spesa per le utenze.

Il 2022 è stato un anno da ricordare anche per altri progetti, non seguiti direttamente dall’Amministrazione Comunale ma nei quali il Comune è coinvolto e che hanno una grande rilevanza per i cittadini. L’attuazione del progetto della Casa della Salute di Voltana con l’infermiere di famiglia che inizierà il suo lavoro a gennaio 2023, la Casa della Comunità di Lugo che sarà finanziata con più di 2 milioni di euro PNRR, il riavvio del confronto con RFI per gli interventi sostitutivi dei passaggi a livello a Zagonara e in via Piano Caricatore che saranno a carico dell’azienda e non più del Comune.

Anche Lugo, come gli altri comuni dell’Unione, approverà il bilancio nelle prime settimane del 2023.

E proprio in occasione del prossimo bilancio, accanto all’illustrazione in Consiglio Comunale e a quella che sarà la presentazione nelle Consulte, il Comune intende organizzare un evento pubblico al Teatro Rossini. “Vorremmo rendere trasparente, quanto più possibile, il bilancio alla città, discutere delle scelte strategiche e di come un documento così importante non sia per nulla tecnico ma possa essere compreso e in modo adeguato, cercando il coinvolgimento delle persone “ conclude il sindaco.