L’intervento della Polizia

La Polizia ha arrestato un cittadino tunisino, di 30 anni, non in regola con le norme sul soggiorno, per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

L’uomo era stato notato nei pressi della stazione di Classe a bordo di uno scooter, mentre si aggirava con fare sospetto dando l’idea di aspettare qualcuno. Infatti un altro uomo gli si è avvicinato e, dopo aver confabulato pochi minuti ed essersi scambiati qualcosa, tutti e due si allontanavano velocemente.

Gli agenti sono intervenuti e hanno bloccato lo spacciatore mentre l’altro è riuscito a scappare, lasciando cadere a terra un piccolo involucro poi recuperato. Sottoposto a perquisizione personale, è stato trovato in possesso della somma contante di 910 euro composta da banconote di vario taglio e di un telefono cellulare, sequestrati assieme all’involucro gettato a terra nel corso dell’intervento e risultato poi contenere 3 grammi di eroina.

Al termine degli accertamenti l’uomo, che è risultato essere di nazionalità tunisina, già espulso dal territorio nazionale e con precedenti per reati in materia di stupefacenti, false attestazioni sulla propria identità personale e violazioni della normativa in materia di immigrazione, è stato arrestato per il reato di detenzione ai fini di spaccio.