Per il debutto un omaggio a Fellini e un concerto dell’orchestra Corelli

Torna in un’inedita veste di “cinema teatro”. A dispetto di presagi e rumour che ne avevano decretato la fine definitiva il cinema Astoria riapre i battenti. Film d’essai, film in lingua, film commerciali, rassegne e concerti e, per la prima volta, una sala dedicata all’Opera proiettata in diretta e in differita dai più importanti teatri europei.
Cinema, musica, teatro ed arte si mescoleranno in un inedito mix and match di contaminazioni artistiche. All’interno della struttura verrà infatti realizzata una vera e propria galleria d’arte.

“Dopo tante leggende finalmente si apre con uno spirito diverso – ha commentato Mauro Lazzarini, amministratore unico Cinema City. Non più multisala, non più multiplex ma un vero e proprio cinema teatro contenitore di eventi dedicati all’arte. Oltre alla sala 2, che sarà interamente dedicata alla lirica e alla concertistica, nasce l’Astoria Art-Gallery, una vetrina per giovani artisti che potranno mettere in mostra le loro opere d’arte”.

“L’iniziativa è realizzata grazie ad un’idea di Publimedia – ha spiegato l’amministratore Carlo Serafini – che convertirà gran parte degli spazi pubblicitari della struttura in spazi espositivi mentre le opere saranno proiettate sul grande schermo”.

Il cinema, dopo l’inaugurazione su invito del 15 novembre inizierà il 16 novembre la sua programmazione ufficiale. “Il cinema Astoria è nel sentimento dei ravennati – ha aggiunto il vicesindaco Mingozzi. L’utenza cinematografica in Italia sta crescendo ed ora Ravenna, tra Cinema City e Astoria può contare su 21 sale. È probabile che la nuova sede possa prestarsi poi ad altri utilizzi, penso ad esempio a quello universitario”. Ipotesi sostenuta anche dall’assessore provinciale alla Cultura Massimo Ricci Maccarini, anche lui presente alla conferenza stampa di presentazione. “Si potrebbe promuovere l’idea di una collaborazione con l’Università o con il circuito Gaer (Giovani Artisti dell’Emilia-Romagna) – ha dichiarato l’assessore. È importante incoraggiare e sostenere i giovani talenti ed un’iniziativa come quella di art-gallery si inserisce perfettamente in quest’ottica”.

Si prospetta dunque un inverno ghiotto per i cinefili ravennati: dopo l’Astoria sarà il turno del palazzo Congressi di Largo Firenze che tra qualche mese sarà operativo come sala cinematografica. A comunicarlo è l’assessore alla Cultura Alberto Cassani: “si preannuncia una programmazione ricca come non è mai stata – spiega. Il punto chiave sarà ora quello di collaborare al massimo perché l’offerta sia sempre più variegata attraverso la valorizzazione di vocazioni diverse”.

L’inaugurazione del 15 novembre, su invito, sarà un tributo a Federico Fellini, nel 50° anniversario di quello che è considerato il suo film simbolo “La dolce vita”. La serata avrà inizio alle 19 con l’esibizione dell’Orchestra Arcangelo Corelli con un “Omaggio alle colonne sonore italiane”, a cui seguirà la proiezione de “I vitelloni” con Alberto Sordi. La dedica al grande regista riminese proseguirà invece con la rassegna “Le giornate felliniane”, che fino al 18 novembre prevede la proiezione di uno dei suoi capolavori, da “Amarcord a “La strada”.
“Buona la prima” è invece il titolo della stagione lirica che debutterà il 7 dicembre, con la proiezione, in diretta dal teatro Alla Scala di Milano de “La valchiria” di Richard Wagner, diretto da Daniel Barenboim.
 

(In allegato il programma della rassegna di opera lirica “Buona la prima”).