Nuovo appuntamento di Ravenna Musica

Appuntamento per gli amanti del barocco, quello di martedì 1° marzo al Teatro Alighieri (20.45), che vedrà protagonista “La Risonanza”, una delle più prestigiose orchestre da camera dell’attuale scena italiana e internazionale, impegnata in un programma bachiano.

L’appuntamento rientra nella stagione Ravenna Musica curata dall’associazione Angelo Mariani. Fondata dal suo direttore Fabio Bonizzoni nel 1995 come ensemble vocale e strumentale, La Risonanza rappresenta una delle realtà musicali più rinomate nell’ambito delle formazioni cameristiche che utilizzano strumenti originali. Il suo repertorio è quello della musica italiana e più in generale della musica composta nei secoli XVII e XVIII influenzata dallo stile italiano.
L’orchestra è ospite regolare delle stagioni concertistiche più importanti in Italia, come Santa Cecilia di Roma o gli Amici della Musica di Firenze, e si è esibita in numerose sedi estere come il Concertgebouw di Amsterdam, il Bozar di Bruxelles, l’Auditorium di Barcellona.

Fabio Bonizzoni è considerato uno dei maggiori interpreti di musica barocca. Diplomato in organo barocco e in clavicembalo solista al Conservatorio Reale dell’Aia, prima di fondare la Risonanza ha suonato con alcune delle principali orchestre barocche dei nostri giorni, come l’Amsterdam Baroque Orchestra e Le Concert des Nations. Con La Risonanza ha intrapreso la registrazione integrale delle cantate italiane con strumenti di Händel, uno delle più importanti avvenimenti discografici degli ultimi anni.

Quasi interamente dedicato a Johann Sebastian Bach il programma del concerto, di cui verranno eseguite le Suite per orchestra n. 1, n. 2 e n. 3. Completa il programma la Sinfonia in si minore composta dal secondo figlio del grande compositore tedesco, Carl Philipp Emanuel Bach, e appartenente ad un nucleo di sei sinfonie per archi che il giovane Bach scrisse per il pubblico amburghese una volta divenuto direttore della musica presso il Johanneum di Amburgo.