Il creatore dello stile “new musette” ospite di Ravenna Musica

Ancora un ospite d’eccezione a “Ravenna Musica”, la stagione del Teatro Alighieri curata dall’Associazione Angelo Mariani.
Martedì 29 marzo alle 20.45 a salire su palcoscenico sarà Richard Galliano, uno dei più grandi artisti jazz viventi, straordinario fisarmonicista e musicista versatile.

Animato da un’incrollabile convinzione che la fisarmonica meritasse un posto nel cuore del jazz accanto al sax e alla tromba, Richard Galliano, creatore dello stile “new musette”, è riuscito a liberare questo strumento dalla sua immagine ormai obsoleta, introducendo una ritmica e uno stile armonico completamente nuovi in grado di accordare la fisarmonica al jazz.
 

Nell’occasione ravennate, che si realizza con il contributo di Par Toyota, Galliano si presenterà in formazione di sestetto e si esibirà con altri cinque straordinari musicisti: i violinisti Sebastien Surel e Nicolas Dautricourt, il violista Jean Marc Apap, il violoncellista Eric Levionnois e il contrabbassista Stephane Logerot.

Il programma del concerto, dal titolo “da Bach a Galliano”, affiancherà composizioni di Johann Sebastian Bach a brani di Astor Piazzolla e dello stesso Galliano.
Galliano dedica la prima parte della serata ad un compositore con il quale ha sempre avuto una stretta relazione, avendo iniziato e proseguito gli studi con Bach.
E’ ferma convinzione del musicista francese che la fisarmonica sia al giorno d’oggi il solo strumento capace di dare nuova luce alle opere di Bach. Come l’organo, è ben equipaggiata per effetti naturali di stereo, polifonia e registri.
Ecco perché Richard Galliano per questo concerto ha scelto composizioni di Bach per oboe, violino, clavicembalo.

Nella seconda parte il pubblico potrà ascoltare brani composti da Galliano, fra i quali Petite Suite Farnçaise e Habanerando, e celebri composizioni di Astor Piazzolla come Oblivion e Otono Porteno.