Dopo le temperature record del week end in arrivo un’ondata d’aria fredda

Dopo le temperature record del week end appena passato la primavera sembra essere “rientrata nella norma”.

“Il 9 aprile 2011 è stata una giornata storica in cui sono stati abbattuti tutti i record precedenti – spiega Pierluigi Randi del Centro Epson Emilia-Romagna – con temperature tipiche del periodo estivo”.

Il picco è stato raggiunto nel faentino e lughese, in cui si sono toccati i 32°, seguiti da Alfonsine (31,7°),  Ravenna (31°) e Cervia (30°).

Da ieri però l’arrivo di una perturbazione fredda dai Balcani ha fatto già scendere la colonnina di mercurio. “Oggi e domani continuerà a splendere il sole e le temperature torneranno a salire ma mantenendosi nei valori tipici della media stagionale – spiega Randi.

Nella notte tra martedì e mercoledì inizierà ad avvicinarsi una nuova perturbazione dal Nord dell’Atlantico che porterà un rapido ma incisivo peggioramento della condizioni. “Sono previsti rovesci e temporali e nelle cime appenniniche potrebbe tornare la neve. Mercoledì poi i i venti di bora porteranno un deciso calo delle temperature, che scenderanno a 15-16°. Nella notte tra mercoledì e giovedì le minime potrebbero arrivare a 5-6° gradi, con valori leggermente più eleveti sulla costa (7-8°), ma comunque al di sotto della norma”.

La perturbazione però passerà velocemente e a partire da giovedì inizierà il graduale miglioramento, con nuvolosità irregolare in pianura e sulla costa che andrà piano piano scomparendo.

Il week end il cielo tornerà a splendere (soprattutto nella giornata di domenica) e le temperature rientreranno nella media del periodo con minime di 10-11° e massime intorno ai 20°.

Ancora presto per sapere che cielo accompagnerà il week end pasquale anche se “in base agli ultimi dati, il nord dovrebbe riuscire ad evitare l’instabilità prevista al sud. Anche in campo termico non è previsto né troppo caldo né troppo freddo, con venti deboli orientali e aria abbastanza asciutta” conclude Randi.