Oltre 5,4 milioni di euro per l’Emilia-Romagna

Superano i 5,4 milioni di euro le risorse che la Regione Emilia-Romagna assegna agli interventi per l’edilizia scolastica, approvando così il Piano di attuazione 2010. E’ quanto ha deliberato la giunta, in seguito all’istruttoria svolta sui singoli Piani provinciali.

La programmazione, finanziata in base alla legge 39/80 (“Norme per l’affidamento e l’esecuzione di opere urgenti di edilizia scolastica”) destina complessivamente a Province e Comuni 5.482.934 euro, di cui circa 2.550.000 euro per interventi di messa in sicurezza e adeguamento e 2.930.000 euro per altri tipi di intervento. Sulla somma complessiva, 900 mila euro vengono assegnati e impegnati per la Provincia di Rimini, in modo da consentire il completamento della nuova sede dell’Ipsia Benelli di Novafeltria.

Alla Provincia di Ravenna saranno assegnati 361.229,34 euro, pari al 7,88%.

Bologna  964.836,20 (21,05%)

Ferrara  359.075,52 (7,83%)

Forlì 458.480,78 (10,00%)

Modena 764.137,24  (16,67%)

Parma  455.872,34  (9,95%)

Piacenza  340.553,84  (7,43%)

Reggio Emilia  559.789,01 (12,21%)

Rimini 319.515,72  (6,97%)

Le risorse regionali contribuiscono a coprire dal 30 al 50% dei costi dei singoli interventi, attivando – se si considera anche la quota degli enti locali proprietari degli edifici scolastici – un finanziamento complessivo di oltre 12,5 milioni di euro. All’interno di questa programmazione non sono previsti interventi di miglioramento e adeguamento per far fronte al rischio sismico, a cui la Regione ha già destinato risorse apposite (1,6 milioni di euro), gestite dal Servizio regionale geologico sismico e dei suoli.

Per quanto riguarda la quota assegnata alle Province, per ottenere il finanziamento i soggetti attuatori degli interventi dovranno, entro 120 giorni dalla data di pubblicazione della delibera sul Bollettino ufficiale regionale telematico, procedere all’approvazione dei progetti esecutivi e inoltrarli successivamente al servizio regionale competente.