100 inviti per adulti e bambini fino ai 14 anni

Nel decennale di ‘omaggiogiovani’ la Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna rinnova, ampliandole, le opportunità di partecipazione gratuita agli spettacoli del Ravenna Festival.
Ai 500 carnet per i ragazzi fino a 26 anni si aggiungono ora 100 inviti ‘family’ per gli spettacoli di teatro ragazzi, validi per un adulto+un ragazzo fino a 14 anni.

Un nuova opportunità dedicata alle famiglie immaginata per avvicinare genitori e figli gratuitamente, agli spettacoli di teatro per ragazzi in programma per questa edizione, dedicata al tema della fiaba.
“A 38 giorni dall’inizio delle vendite dei biglietti abbiamo già 25.000 spettatori al Ravenna Festival – ha reso noto il soprintendente Antonio De Rosa. Rispetto al 2010 gli abbonamenti dei privati sono cresciuti del 10%, i carnet del 20% e gli abbonamenti di gruppo del 15%”.

I carnet omaggio saranno distribuiti secondo due modalità a partire dalle 15 di giovedì 12 maggio. 350 carnet saranno resi disponibili fino ad esaurimento alla biglietteria del Festival mentre 150 saranno riservati ai fan della pagina facebook del Festival, arrivata a quota 3000 fan. I 100 inviti ‘family’ potranno invece essere ritirati dai genitori presentando copia del documento (under 14) a partire da sabato 7 maggio fino ad esaurimento alla biglietteria del Festival.

“Con l’invito ‘family’ genitori e figli potranno scegliere tra le opportunità del programma orientate ai più piccoli – ha spiegato il direttore artistico Franco Masotti – come lo spettacolo concepito e scritto da Laura Pariani Bus d’l’orchestra tour, in cui Dante incontrerà il più grande scrittore di fiabe Gianni Rodari”.

In programma per la prima volta anche due spettacoli di Accademia Perduta (L’orchetto e Pollicino) che saranno per la prima volta eseguiti con musica dal vivo. “La presenza dell’Accademia è significativa per il ruolo di Ravenna Festival – ha commentato il direttore artistico Angelo Nicastro. È importante l’attenzione alle realtà culturali del territorio, per aiutarle a crescere. In un’Italia che troppo spesso le dimentica abbiamo il compito di sostenerle e valorizzarle”.

“Ravenna è una città difficile e chiusa a certe iniziative – ha aggiunto il vice presidente della Fondazione del Monte Gianni Fabbri – complimenti a Cristina e al suo team di passionali. Dopo la crisi di quest’anno speriamo nel 2012 di destinare ancora maggiori risorse a questa iniziativa”.

A chiudere la conferenza stampa di presentazione l’ideatrice del Festival Cristina Mazzavillani Muti che ha dichiarato: “amo tutto ciò che è dedicato ai giovani. Se posso dare un consiglio ai più piccoli suggerisco di non perdere “Il flauto magico” in versione africana, uno spettacolo meraviglioso per ‘bambini’ dai 5 ai 90 anni”.

(v.v.)