L’intervento delle Volanti era stato chiesto dalla compagna

 




Una donna ha chiamato il 113 per timore del compagno, rientrato a casa, in via Gulli, ubriaco e manifestando pessime intenzioni nei suoi confronti. E’ partita da qui, nella mattinata di ieri, la rocambolesca fuga dell’uomo – S.C., 32enne tunisino – che alla vista degli agenti della Volante ha pensato di darsela a gambe, cercando di far perdere le proprie tracce scappando a piedi tra gli edifici confinanti. Gli agenti lo hanno inseguito e bloccato pochi minuti dopo; l’uomo ha cercato di sbarazzarsi di un involucro di eroina del peso di 15 grammi, anche questo recuperato dagli agenti.

Perquisito, il tunisino – non in regola con le norme di soggiorno – è stato trovato in possesso di decine di banconote di piccolo taglio per un importo di oltre 500 euro, sequestrate quale provento dell’attività di spaccio.

Nella successiva perquisizione domiciliare gli agenti delle Volanti e della sezione antidroga della Squadra Mobile, successivamente intervenuti,  hanno trovato in una tasca di una giacca altri 2,5 grammi di eroina. 

Dichiarato in arresto per detenzione di stupefacenti ai fini di spaccio, S.C. è stato trattenuto in questura in attesa del processo fissato per questo pomeriggio.