Mariola, l’associazione “Per la cittadinanza attiva” nata per portare all’attenzione di tutti i problemi legati al traffico urbana e divenuta lista civica nelle elezioni del 2006, ha voluto ringraziare pubblicamente i candidati a sindaco Samantha Comizzoli (Ravenna Punto a Capo) e Pietro Vandini (Movimento 5 Stelle), “gli unici che hanno accettato il nostro invito al confronto”.

“Non è un caso – secondo l’associazione – che all’invito non abbiano risposto né il candidato sindaco attualmente in carica, né i candidati di tutti gli altri partiti e coalizioni che sono attualmente all’opposizione in consiglio comunale. Purtroppo non è un caso che – per 5 lunghi anni – quando il mondo nel frattempo è molto cambiato – Ravenna abbia continuato ad esprimere un “bizantinismo” immobilista, senza affrontare con visione prospettica le tematiche di uno sviluppo economico compatibile, attestandosi sul consolidato senza chiedersi come migliorare la qualità della vita, rimanendo ostaggio di una classe politica feudale che ha fagocitato qualsiasi soggetto portatore di progettualità alternativa”.

Mariola, che quest’anno ha deciso di non partecipare alla competizione elettorale, invita “a votare per candidati sicuramente onesti, democratici, disponibili all’ascolto, che sappiano guardare al futuro senza dimenticare le chiusure e gli errori di quanti, in maggioranza con responsabilità di governo o all’opposizione senza proposte alternative, hanno compiuto o favorito non poche scelte disgraziate che hanno negativamente condizionato lo sviluppo sostenibile e di lunga prospettiva della nostra comunità, bruciando preziose risorse non solo economiche, ma anche ambientali, morali e ideali della popolazione e del territorio”.