Nella rassegna si fondono letteratura e musica

 

La XXII edizione del Ravenna Festival, “Fabula in festival”, sarà caratterizzata quest’anno da una sezione del tutto inedita: “Scriptor in fabula”. La rassegna, concepita come connubio tra letteratura e musica e realizzata con il il contributo di Coop Adriatica, è stata presentata questa mattina al teatro Alighieri.

Il rapporto tra musica e letteratura è uno dei più antichi – ha spiegato il direttore artistico Franco Masotti. Scriptor in fabula è un atto d’amore verso i libri che corre i rischio di non essere così scontato oggi”.

In programma 4 appuntamenti, di cui il primo, il 5 giugno alla Rocca Brancaleone, sarà una sorta di prologo al Festival a cura della scrittrice Laura Pariani, che racconterà l’incontro tra Gianni Rodari e Dante nel suo Bus dl’orchestra tour, sulle note di Virgilio Savona, componente del Quartetto Cetra. Ospite alla conferenza stampa di presentazione, la scrittrice ha così commentato il suo progetto, scritto appositamente per Ravenna Festival: “uno dei grandi insegnamenti di Gianni Rodari è quello che si possono raccontare cose serissime strappando un sorriso. Nella mia opera ho cercato di fare lo stesso: l’ironia è cultura”.

Tornando al programma di “Scriptor in fabula” il 12 giugno sarà la volta di Michele Mari, autore del romanzo Rosso Floyd, che insieme alla musicista jazz Rita Marcotulli accompagnerà il pubblico in un viaggio visionario nella nebulosa dei Pink Floyd. Con Fantastiche Frattaglie: Cibi favolosi per i tempi grami, (il 20 giugno), si intraprende un viaggio di parole e musica con lo scrittore sardo Marcello Fois. Nell’ultimo episodio, con il libro del giornalista viaggiatore Paolo Rumiz ispira lo spettacolo Gerusalemme Perduta. Un viaggio contromano da Torino a Gerusalemme e oltre, inseguendo le briciole di Dio (al teatro Rasi il 28 giugno), musicato dal celebre musicista serbo-croato Sasha Karlic.