Ospiti alla liturgia domenicale ‘In Templo Domini’

Domenica 19 giugno, alle 11, la liturgia domenicale di In Templo Domini porterà nella Basilica di Sant’Apollinare Nuovo le “Voci delle vette” del Coro Santa Lucia di Magras diretto da Francesco Ceschi.

Il programma proposto attinge al ricco archivio di circa 2500 brani inediti raccolti dal coro Santa Lucia di Magras (piccola frazione del Comune di Malé in Trentino) risalenti al repertorio che veniva eseguito da tutti i cori parrocchiali del Trentino fino agli anni ’60, abbandonato in seguito alla riforma del Concilio Vaticano II. In anteprima a Ravenna Festival viene eseguita per intero la messa di Max Hohnerlein in onore di San Bonifacio per quattro voci virili, un programma tipico del repertorio del Coro Santa Lucia, una formazione nata nel 1990 e costituita da cantori provenienti da numerosi paesi della Val di Sole.

I manoscritti e le stampe risalgono per la maggior parte ai decenni a cavallo tra il XIX e il XX secolo, periodo nel quale si affermò e si diffuse capillarmente in Trentino il repertorio definito “ceciliano”, che mirava ad un ripristino della antica nobiltà e semplicità della musica liturgica, in contrapposizione allo stile operistico dominante nelle chiese. I compositori rappresentati appartengono alla scuola ceciliana, tedesca e italiana su cui il coro sta facendo un’approfondita ricerca per raccogliere dati relativi ai compositori, ma trattandosi di autori minori spesso non esistono riferimenti bibliografici. Molti brani composti da sacerdoti musicisti infatti non riportano nemmeno l’autore, ma le loro armonie sono di una straordinaria semplicità e bellezza.