Dal 1° settembre i cittadini potranno valutare i servizi erogati

Da sabato 1° settembre, partirà una indagine sulla valutazione della qualità dei servizi erogati dallo Sportello Polifunzionale – Anagrafe centrale/URP e dagli uffici decentrati del Comune. Pertanto ai cittadini che si presenteranno agli sportelli Anagrafe e URP di Viale Berlinguer, 68 e agli sportelli degli uffici decentrati sul territorio (sedi delle ex Circoscrizioni comunali), verrà consegnata una scheda su cui potranno esprimere, in forma anonima, il proprio giudizio sulla prestazione appena ricevuta.

Lo potranno fare barrando una delle tre ‘faccine’ corrispondenti a “soddisfatto”; “non soddisfatto”, “non so”,  riferite alle seguenti voci: tempestività (tempo impiegato nel concludere la pratica), accessibilità (orario di apertura al pubblico rispetto alle esigenze), chiarezza (nella comunicazione da parte del personale), cortesia,   professionalità, (competenza sulla materia dimostrata dal personale), ubicazione dell’ufficio (raggiungibilità viaria, possibilità di parcheggio, ecc.), fruibilità dell’ufficio (funzionalità e confortevolezza dei locali, ambiente accogliente, rispetto privacy, ecc.).
L’indagine riguarda tutte le prestazioni erogate da questi uffici: da quelle anagrafiche a quelle di prentazione Cup (solo nel forese), dalle iscrizioni ai servizi per l’infanzia comunali alle domande per partecipare a bandi per le case popolari.  La scheda compilata dovrà essere immessa nell’apposita urna collocata all’interno degli uffici comunali interessati all’indagine.
L’avvio dell’indagine è l’occasione per l’assessore ai servizi demografici Massimo Cameliani di fare il punto sulla riorganizzazione degli uffici anagrafici introdotta a gennaio con il trasferimento dell’Urp in via Berlinguer e l’apertura di tre sportelli anagrafe in città, negli uffici delle ex circoscrizioni. “Proprio in questi sportelli situati in via Aquileia, via Maggiore e via Berlinguer stiamo registrando un incremento costante di prestazioni che al 31 luglio faceva registrare un totale di 1.642 carte d’identità e 1.203 certificati rilasciati. Soddisfatti degli aspetti quantitativi, vogliamo ora misurare la qualità delle prestazioni attraverso la “costumer satisfaction” che prenderà il via sabato. E’ la prima volta che affrontiamo questo tipo di indagine negli sportelli dell’Anagrafe e ringraziamo fin d’ora gli utenti che vorranno dedicare pochi minuti del loro tempo per esprimere la loro opinione sui servizi ed esprimere suggerimenti, da cui far scaturire miglioramenti a vantaggio dei cittadini”.
Dal canto suo, Valentina Morigi, assessora al Decentramento aggiunge “Chiedere il parere degli utenti sulla qualità delle nostre prestazioni è anche questo un modo per rendere partecipi i cittadini alla gestione dei nostri servizi al pubblico, soprattutto nel forese dove gli sportelli delle ex circoscrizioni continuano a essere un punto di riferimento sia come istituzione che come erogatori di servizi molto importante per chi vi abita. Ascoltare il loro giudizio sarà anche un’occasione in più per approfondire un dialogo esistente e in continua evoluzione”.    
L’indagine sulla valutazione della qualità dei servizi di sportello è uno degli strumenti che il Comune di Ravenna mette in campo per valutare le proprie prestazioni organizzative, individuare le priorità rispetto alle quali intervenire, pianificare i necessari cambiamenti in modo integrato e funzionale alle esigenze del pubblico, al fine di migliorare i servizi erogati.
“Il miglioramento delle prestazioni dei servizi, infatti – spiega il Comune – è al centro dell’azione di modernizzazione delle amministrazioni pubbliche poiche da essa dipende la qualità delle prestazioni rese agli utenti. Da qui l’ottimizzazione costante dell’utilizzo delle risorse disponibili e dei processi di erogazione dei servizi e la capacità delle amministrazioni di innovare sia i processi, i servizi finali e le politiche in coerenza con il modificarsi dei bisogni da soddisfare interpretandoli in modo strategico e anticipatorio.