Collettivo Ginsberg, The Hiding, Celeb Car Crash, Ghost Vipers, Livestock Dealers e Seveso. Sono questi i nomi delle band di maggior rilievo che suoneranno il 29 giugno, dalle 19 alle 3 del mattino successivo, al Vitignanostock, l’evento, patrocinato dal Comune di Meldola, che da ben quattro edizioni infiamma Rocca delle Caminate per un giorno all’anno e che richiama pubblico da tutta la Romagna. Come da tradizione, il Vitignanostock si terrà nel campetto da calcio antistante il castello di Rocca delle Caminate.

Una speranza per il Rock. “Tra gli organizzatori del Vitignanostock” spiega Federico Compagnone, che partecipa all’organizzazione dell’evento “più della metà sono musicisti”. E non è un caso: “Tutti gli organizzatori” dice Compagnone “sono appassionati di musica che hanno compreso che, a livello locale, scarseggiano le occasioni che permettono di esprimere la dedizione di band emergenti alla musica; inoltre, tra i pochi locali che ancora fanno suonare dal vivo il genere rock non è certamente il più richiesto. A prevalere è ormai infatti la “cultura” del dj set, e i generi che hanno maggiore successo a livello di pubblico sono decisamente altri, come il pop e house/techno”.

Insomma, l’obiettivo è dare sfogo e speranza a generi che un tempo hanno avuto grandi fasti, come rock e metal, e oggi sono ridotti a fenomeni di nicchia. Ancor più in provincia, dove sono i generi più “commerciali” a farla da padroni. Nasce così l’idea, tra i musicisti della zona, di impegnarsi per dare uno spazio più grande del garage in cui, tradizionalmente, si inizia a rockeggiare. Mantenendo inalterato, tuttavia, lo stesso spirito di condivisione che, tradizionalmente, il rock riesce ad esprimere. Il Vitignanostock va quindi inteso come un grande esperimento cooperativo, per unire forze ed esperienze.

Offerta. Oltre alla musica, l’offerta del Vitignanostock è molto vasta. C’è la possibilità di cenare sul posto scegliendo tra i locali adiacenti e gli stand gastronomici che verranno predisposti. Sarà presente anche un’area dedicata a espositori e ambulanti di arte, artigianato, abbigliamento e cd/vinili. Inoltre, anche quest’anno il Vitignanostock vuole mandare un messaggio sociale oltre che dare spazio a buona musica. Per fare questo collabora con la cooperativa sociale EQUAMENTE, che lavora da 20 anni per promuovere la realizzazione di pratiche di un’economia solidale e per diffondere la cultura del consumo responsabile.L’ingresso a offerta libera. Stupisce l’orario: otto ore la durata del Vitignanostock, di cui tre ben oltre la mezzanotte. E nessuna limitazione alla strumentazione: niente ‘unplugged’ imposto dall’Amministrazione comunale, per venire incontro alle esigenze dei residenti. È proprio il caso di dirlo: un altro mondo.

Per maggiori informazioni: www.facebook.com/pages/Vitignanostock/484496358238644?fref=ts

(Michele Dori)