Carabiniere (foto di repertorio)
Carabiniere (foto di repertorio)

Approvato il documento presentato dal gruppo Pd

Il Consiglio Territoriale di Sant’Alberto ha approvato il documento redatto dal Pd in merito alle prospettive di presenza dell’Arma dei Carabinieri nel paese.
“I militari – spiega il Consiglio – che fino ad un anno fa erano presenti nell’unità di base Sant’Alberto, a seguito della chiusura causa sfratto della vecchia sede, sono infatti ora in fase di ripiegamento temporaneo presso la Caserma di Savarna.
La problematica è stata tra i principali temi affrontati dal comitato cittadino pro-tempore, istituitosi per raccogliere le istanze e le problematiche della località  successivamente alla soppressione delle Circoscrizioni, ed in attesa della partenza della nuova esperienza dei consigli territoriali”.
Il consiglio di Sant’Alberto, insediatosi ad inizio del luglio scorso, ha annoverato tra i
relatori delle prime sedute il vicesindaco Giannantonio Mingozzi, intervenuto per relazionare in merito al percorso fino ad allora intrapreso, per mantenere la presenza dell’Arma dei Carabinieri nella principale località del forese nord. Mingozzi ha illustrato lo studio di fattibilità per la riqualificazione di una porzione dell’immobile di proprietà comunale, a Sant’Alberto in via Cavedone 35; già edificio scolastico, ora adibito a sede di alcune delle tante realtà associative che  operano nel territorio, “è l’unico di proprietà comunale che presenti i requisiti necessari per essere adibito a Stazione dei Carabinieri, secondo gli standard attualmente vigenti”.

Il gruppo consiliare del Partito Democratico ha proposto all’assemblea un documento
redatto con lo scopo di esprimere un parere esaustivo sul tema, come richiesto dal vicesindaco nella  seduta di Consiglio del 16 luglio  scorso. Il documento è stato  approvato con 13 voti favorevoli dei 15 consiglieri  presenti,  registrando  i consensi  unanimi dei consiglieri presenti di Pd, LpRa, Pdl, Pri e Idv. I due voti contrari sono stati espressi da consiglieri non residenti nel territorio circoscrizionale.