Respinta la petizione dei cittadini. Ancisi : “da LpRa nessuna proposta di ampliamento”

Lunedì scorso, è stata discussa in Comune la petizione di 600 cittadini per l’ampliamento degli orari di accesso alle ZTL di Ravenna, nei giorni feriali, dalle 18 anziché dalle 20.30.
“L’assessore alla mobilità Corsini ha respinto in blocco la richiesta, senza volerne discutere nemmeno un’applicazione parziale, ad esempio, come Lista per Ravenna aveva suggerito, un’applicazione sperimentale per un breve periodo di prova, e/o solamente su alcune strade, e/o solo per i fine settimana – ha commentato il gruppo di Lista per Ravenna Alvaro Ancisi. L’assessore, in chiusura di dibattito, ha detto, chiamando in causa “Ancisi, secondo cui chiudere una strada con la Ztl significa intasare quella a fianco”, che “dimentica che fu proprio lui a proporre l’ ampliamento della Ztl”.

Ancisi ha però precisato che da Lista per Ravenna non sarebbe arrivata nessuna proposta generalizzata di ampliamento delle ZTL, ma una serie di emendamenti “molto differenti e ben motivati”poi bocciati dalla maggioranza ,a cui il gruppo intende tener fede anche nel prossimo aggiornamento del piano del traffico.

“In particolare, Corsini ha scambiato con ‘ampliamento’ la parola ‘adeguamento’, che noi abbiamo riferito, segnatamente, a via Girolamo Rossi. Questa strada è infatti, detto da Corsini stesso, un ‘canyon’, a cui io aggiungo ‘della morte per asfissia o schiacciamento’.

La parola ‘adeguamento’, peraltro, potrebbe anche voler dire una riduzione, per esempio  togliendo la ZTL da altre strade del medesimo quadrante di via Girolamo Rossi meno congestionate. Non è una proposta, ma un elemento di discussione”.