Prevista l’evacuazione dei cittadini residenti nel raggio di 300 metri

Sabato 19 ottobre all’aeroporto “La Spreta” di Ravenna, un pericoloso residuato bellico della seconda guerra mondiale sarà neutralizzato dagli artificieri dell’8° Reggimento Genio Guastatori Paracadutisti “Folgore” di Legnago (Vr).

Si tratta di una bomba d’aereo di fabbricazione britannica ancora attiva di 250 libbre (circa 113,4 kg) rinvenuta occasionalmente nel corso dei lavori di scavo.
L’8° Reggimento Genio Guastatori Paracadutisti “Folgore” è una delle 7 Unità dell’Arma del Genio incaricate di bonificare il territorio dell’Italia centro settentrionale dai numerosi residuati bellici ancora esistenti e pericolosi (dall’inizio del 2013 sono stati effettuati oltre 1250 interventi di bonifica solo nel nord Italia). Si tratta di una attività particolarmente delicata coordinata dal Comando Forze di Difesa Interregionale Nord con sede a Padova e retto dal Generale di Corpo d’Armata Bruno Stano.
Le operazioni di messa in sicurezza del territorio saranno coordinate dalla Prefettura di Ravenna ed inizieranno alle ore 8.30 (inizio evacuazione dei residenti). Alle 9 circa sarà effettuato il disinnesco dell’ordigno per poi essere rimosso e trasportato presso una cava del luogo dove sarà fatto brillare.

Allo scopo di garantire la massima cornice di sicurezza, sarà necessario evacuare i cittadini residenti nell’area a rischio oltre alle abitazioni civili ricadenti all’interno del raggio di sgombero di 300 metri dal punto di rinvenimento dell’ordigno. La stessa misura precauzionale (per un raggio di sgombero di 300 metri) sarà adottata presso il sito di brillamento e per tutta la durata delle operazioni. E’ inoltre previsto il divieto di sorvolo di qualsiasi velivolo dalle 9 fino al termine dell’attività su tutta la zona delle operazioni.
L’intervento avrà una durata di circa 5 ore, sarà diretto dal Capitano Giuseppe La Ianca e materialmente eseguito dal Maresciallo Capo Rocco Pezzano con il suo nucleo di specialisti E.O.D. (Esplosive Ordnance Disposal):Serg. Carmine Bianco, C.M.C.S. Giuseppe Spataro, CMCS Saverio Gallo e C.M.S. Angelo Buscemi che vantano, oramai, una preziosa esperienza maturata anche nel campo della neutralizzazione degli insidiosi ordigni improvvisati di matrice terroristica rinvenuti nel corso delle varie missioni di internazionali pace.