Il commento dei ragazzi. Il sindaco: “Nessuna scuola sgomberata dalle forze dell’ordine”

Anche Ravenna vive i momenti della protesta studentesca. Ma nessuna scuola, rimarca in una nota il sindaco Matteucci, è stata fatta sgomberare dalle forze dell’ordine. Inoltre, il liceo classico non è più “barricato”, come spiegano gli stessi studenti: “L’autunno di lotta di quest’anno rappresenta un punto di svolta per le conquiste studentesche ravennati . Gli studenti si sono attivati e mobilitati grazie a una rete di assemblee che li ha portati sotto i palazzi della provincia e del provveditorato riuscendo ad ottenere colloqui, risultati purtroppo deludenti.

Abbiamo visto nei cortei di giovedì 12 e mercoledì 18 la necessità degli studenti di risposte concrete alle loro istanze e la loro determinazione nel ribaltare i tavoli di lavoro con gli assessori e nel sanzionare quelle istituzioni sorde e inconcludenti.

Anche nel caso del Liceo Classico Dante Alighieri, malgrado sia stato occupato in concordanza con la presidenza e mantenendo il pubblico servizio per otto giorni, le richieste degli studenti non sono state prese in considerazione quindi  ci siamo ritrovati costretti  a raggiungere soluzioni più drastiche”. Proseguono gli studenti: “Dal momento in cui gli studenti si sono ritrovati costretti a barricarsi all’interno dell’istituto e a lasciare fuori i professori e la preside per far sentire la propria voce, il sindaco ha ritenuto necessario avere un colloquio con gli occupanti per ascoltarne le richieste. Fin dall’inizio abbiamo chiarito che una volta aperta la biblioteca l’occupazione sarebbe finita; infatti dal momento in cui il sindaco è venuto incontro alle richieste degli studenti e una volta garantito che la biblioteca verrà riaperta il 15 Gennaio 2014, gli occupanti del liceo classico comunicano che l’occupazione, in seguito alla rimozione delle barricate, continuerà fino a venerdì con le modalità precedenti. Questo obiettivo è stato raggiunto solamente grazie alle tensioni e alle agitazioni  trasmesse da noi studenti  nelle piazze e nella nostra scuola”

Ricorda il sindaco Fabrizio Matteucci: “Mercoledi sera ho chiesto e ottenuto un incontro con gli studenti al Liceo Classico, quello di cui parla questo loro comunicato. Io ho preso degli impegni sulle cose belle che propongono.Questi ragazzi che sono nati nell’era digitale e che si battono per l’importanza dei libri, fosse anche solo un libro, io li ammiro. E’ che noi adulti a volte siamo un po’ duri di comprendonio. Comunque basta riascoltare la canzone di Roberto Vechioni che ha vinto a sorpresa il Festival 2011 per capire perche’ questi ragazzi mi piacciono.

Terminato l’incontro ho informato il Prefetto, il Questore e la Dirigente scolastica.  Dopo la mattina un po’ tesa di mercoledi, nel pomeriggio di mercoledi ho diffuso questo appello.

“Carissimi studenti ravennati, carissimi ragazzi, mi rivolgo a voi con il massimo rispetto: lottate per idee o obbiettivi nei quali credete. Questa e’ una cosa bellissima.

Io condivido ne condivido una parte e una parte no: ma questo e’ secondario. Quello che conta e’ che le istituzioni vi devono ascoltare. Con altrettanto rispetto, che e’ fatto anche di lealta’ e fermezza, mi rivolgo ad ognuno di voi per dire: lottate ma dentro la legalita’. Lottare democraticamente e’ una cosa bella, commettere dei reati e’ tutt’altra cosa.Vi rivolgo questo appello di cuore, con rispetto ma anche con fermezza. Sono a vostra disposizione per dialogare con voi.

Mi potete contattare su fb, su twitter, scrivendomi a gabsindaco@comune.ra.it, telefonando allo 0544482218. Vi prego di ascoltarmi, poi decidete voi.

Devo poi  smentire una notizia che e’ stata fatta circolare: a Ravenna nessuna scuola e’ stata ‘sgomberata’ dalle Forze dell’Ordine. E’ una ‘notizia’ assolutamente falsa!

Questa mattina alle 7 sono passato dal Liceo Classico e la scuola adesso è‘sbarricata’ come dicono i ragazzi. Adesso mi aspetto  la massima collaborazione, buon senso e serenita’ da parte di tutti”.