Vandini: “In Comune non si fuma”. Matteucci: “Io ho smesso di fumare, tu non guidare più ubriaco”

Continua la polemica tra il sindaco di Ravenna Fabrizio Matteucci e il leader del Movimento 5 Stelle Pietro Vandini sulla questione del fumo nei luoghi pubblici. Ad innescare il dibattito era stato un post su facebook dove il grillino lamentava la presenza di fumatori all’interno del Palazzo Comunale e nei suoi uffici.
“Non vedo i cartelli di divieto con i relativi responsabili per i controlli – postava Vandini – magari anche chi fuma non li vede e quindi invito chi di dovere a posizionarli in modo corretto ed evidente. Se qualcuno in comune vuole fumare è pregato di recarsi fuori.  Visto che questa cosa certamente non l’ho notata solo io, ma nonostante questo nessuno dice nulla, ecco, adesso l’ho detto e invito chi di dovere a prenderne atto, eventualmente anche con le dovute sanzioni.  Questo va fatto con tutti, dirigenti e Sindaco compresi”.
Immediata la risposta del primo cittadino, che dopo aver ammesso le proprie colpe (“Chiedo scusa ai ravennati, sinceramente. Se vale la retroattività  pago la multa. Adesso ho smesso di fumare, finalmente. E cercherò di tenere botta. Anche farmi vedere in giro in città con la sigaretta non è stato un buon esempio da parte mia”) ha ricordato la multa per guida in stato di ebbrezza che la scorsa estate costò al grillino il ritiro della patente (“dobbiamo essere leali e dirci le cose in faccia come hai fatto tu con me. Rimedio adesso: Vandini non guidare più quando sei ubriaco”).