Il 25 giugno alle 21

Mercoledì in rock per il bagno Sottomarino che, con Ravenna Duepuntozero, dedica la serata del 25 giugno alle band del nostro territorio. Sul palco troviamo questa volta i Kuf, recenti vincitori della XXIV edizione di “Around the Rock”, gli istrionici Jaspers, e The Last One, in circolazione ormai da qualche tempo e sempre pronti a farsi riscoprire.

 

KUF

Band composta da ex membri di Loudside, Cronica Nera, La Tregua, Vicolo Davì. Dopo aver vinto diversi contest del territorio romagnolo, condiviso il palco con noti artisti quali Vanilla Sky, Meganoidi e Piotta (al M.E.I. 2010), l’incontro dei cinque porta alla formazione del nuovo progetto con chiare influenze di Ministri, Fast Animals and Slow Kids, Gazebo Penguins, The Zen Circus. Dopo pochi mesi dalla nascita il gruppo vince la 24ª edizione di “Around The Rock”, e la 18ª edizione del Primavera Live Festival. L’estate 2014, oltre a questo concerto al Sottomarino, ha in serbo per la band l’esibizione in settembre sul palco centrale della Festa Provinciale del PD, mentre l’album d’esordio è in uscita in autunno. www.facebook.com/kufff

 

JASPERS

I Jaspers vedono la luce sul finire di un 2009 tutto in ascesa. Un incontro casuale di sei teste che scontrandosi creano reazioni strane e inaspettate. Subito si mettono all’opera per plasmare una materia nuova, contaminata dalle numerosissime influenze che ognuno di loro incarna. Il progetto s’infiamma di una febbre rara che presto attira l’attenzione di Franco Mussida, loro futuro editore. Le composizioni sono un limbo tra sperimentazione e follia che loro stessi definiscono “orgia creativa”. Riferimenti quali neuropsicologia, psichiatria, psicanalisi e un condiviso interesse per manie, psicopatie, difficoltà cognitive, allucinazioni, disturbi bipolari, etc. stimolano così tanto i sei musicisti, da spingerli verso la domanda cruciale della loro genesi creativa: chi è il pazzo? Chi esplora la follia o chi si nasconde dietro a mille maschere, in nome di una “normalità” fatta di castrazioni e compromessi? Da questo punto in poi, ognuno dei sei Jaspers ha iniziato a esplorare un proprio personaggio, un’esasperazione che rifletta un particolare aspetto dell’uomo. Questo equilibrio tra genialità e aberrazione si manifesta nei sei alter ego che prendono vita sul palco. Il dottore (cantante) e la sua illusione di onnipotenza, la cavia (cantante) e la sua relazione costante con il dolore, il supereroe (bassista) e il suo eccesso nella capacità di sogno, la macchina (tastierista) e la sua umanità poco più che latente, il businessman (chitarrista) e il suo conformismo allo status quo ed infine l’inserviente (batterista) e la sua mania dell’ordine e del controllo. Di certo la musica dei Jaspers di compromessi ne ha visti ben pochi. E per fortuna.

 

THE LAST ONE

The Last One dal 1999 produce brani inediti in lingua italiana. Nel 2005 esce “Il gioco”, composto e registrato in trio, il cui estratto di maggior rilievo è il singolo “Applauso”. Nel 2007 dopo l’ingresso in formazione di un componente aggiuntivo è la volta di “Live in Salaprove”, contenente, fra gli altri, i singoli “C Q F P” ed “Autoterapia”. Nel 2010 arriva il terzo disco, intitolato “Non Sento”, da cui i brani “Beijing”, “Ieri Sera”, e “Non Sento”. Verso la fine del 2012, a seguito dell’ingresso in rosa di un secondo chitarrista, viene pubblicato il quarto lavoro discografico, intitolato “Adesso Basta”: il disco contiene i singoli “Rasta”, “Adesso basta” e “Questa notte”.

 

INGRESSO LIBERO