All’impresa, che opera a Ravenna, anche una multa da 10.900 euro

Continua l’attività ispettiva sui cantieri nell’intera provincia di Ravenna. Personale del Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro – in forza alla Direzione Territoriale del Lavoro di Ravenna – congiuntamente ai colleghi della stazione di Ravenna, a conclusione di un’attività ispettiva, ha adottato un provvedimento di sospensione dell’attività imprenditoriale di una ditta edile avente sede legale a Santerno ed operativa a Ravenna per avere occupato 2 lavoratori in nero su 2, pari al 100% del totale dei lavoratori presenti sul luogo di lavoro. Sono state elevate sanzioni amministrative per complessivi euro 10.900,00.

 

Contestualmente, la Stazione Carabinieri di Faenza ha deferito in stato libertà alla procura della repubblica presso il tribunale di Ravenna il titolare di un’altra ditta individuale, avente sede legale ed operativa a Faenza, resosi responsabile delle violazioni di cui all’art.96, comma 1, lett. “g”, del d.lgs.  81/2008, per avere omesso di redigere il piano operativo di sicurezza (p.o.s.); ed all’art.136, comma 1, del d.lgs. 81/2008, per non avere redatto il piano di montaggio, uso e smontaggio del ponteggio (p.i.m.u.s.).

 

Sono state elevate sanzioni amministrative per complessivi euro 3.068,80.