L’on. Giovanni Paglia, “Necessario il ripristino delle risorse finanziarie necessarie”

“Il Governo Renzi aveva promesso di abolire le Province, senza mai chiarire chi dovesse svolgerne le importanti funzioni di raccordo e gestione di servizi.

Intanto si è limitato a trasformarle in organismi non democratici, cancellando il voto dei cittadini, e ora si appresta a metterne in mobilità migliaia di dipendenti”, a spiegarlo l’onorevole ravennate Giobanni Paglia, che continua: “E’ questo infatti il risultato di una finta riforma che trasferisce a Regioni e Comuni le competenze senza tuttavia prevedere le risorse per l’acquisizione del personale, ma limitandosi al contrario a pesantissimi tagli lineari su tutti gli enti locali.

In queste condizioni non si capisce proprio come qualcuno possa rassicurare i lavoratori sulla continuità della loro occupazione e i cittadini sulla possibilità di avere garantiti i servizi a cui sono abituati.

E’ necessario che la Regione e i Comuni del nostro territorio si mobilitino immediatamente, come i lavoratori stanno già facendo e così SEL in Parlamento, per pretendere che siano garantiti chiarezza normativa sulle funzioni e soprattutto il ripristino delle risorse finanziarie necessarie.

Se così non fosse – conclude Paglia –  significherebbe che il Governo ha deciso di finanziare sgravi fiscali a pioggia per le imprese con l’avvio dei licenziamenti di massa nel pubblico impiego”.