La presentazione ufficiale questa mattina

Giuseppe Roccafiorita e Luciano Fosci hanno ufficializzato in una conferenza stampa tenutasi questa mattina il loro avvicinamento alla lista civica La Pigna per la rinascita di Ravenna.

“Siamo molto contenti di accogliere il sostegno alla nostra lista – ha spiegato il presidente Maurizio Bucci nella sede di Via Circonvallazione al Molino – da parte di due persone che rappresentano due esperienze politiche diverse tra loro. Giuseppe ha condiviso lo spirito di rinnovamento che Matteo Renzi ha portato all’interno del suo partito, vanificato poi nel nostro territorio dal PD locale.

Luciano è il coordinatore provinciale di Fratelli D’Italia e con lui ci avvicina il fatto che abbiamo un percorso politico comune. Lo spirito che ci unisce è condividere un reale progetto di rinnovamento, l’onestà e la voglia di mandare a casa un regime di governo della città basato solo sull’autoreferenzialità e sulla concertazione che non hanno  prodotto sviluppo, ma solo spartizione, speculazione, devastazione del territorio e spreco di ingenti risorse pubbliche”.

Bucci ha poi proseguito dicendo: “nessuno di noi fa attività politica di professione e la nostra comune provenienza è di carattere civico. Non esiste un curriculum di quello che con ogni probabilità sarà il candidato del PD, De Pascale, mentre noi il nostro ce lo siamo costruito negli anni con il lavoro e il sudore. Vogliamo raccogliere le forze della società civile e vogliamo vivere il sogno di vincere. Chiunque si avvicinerà a noi avrà un ruolo da protagonista. Abbiamo una mentalità diversa dalle altre opposizioni, che pensano solo a come raccogliere un consigliere comunale in più, e abbiamo il coraggio di metterci la faccia”.

Dal canto suo, Giuseppe Roccafiorita si dice “ossessionato dalla volontà di cambiamento e, vedendo come si sta muovendo ‘La Pigna’, era inevitabile che un giorno io mi sedessi attorno a questo tavolo. Il mio ex partito sta andando verso la stagnazione, in direzione contraria a ogni movimento di evoluzione. Il governo della città deve dare una risposta ai bisogni dei cittadini, smettendo di rispondere solo agli interessi di alcune lobby di potere, facendo soffocare il territorio. E’ necessario risolvere i problemi del centro cittadino, della sanità, della viabilità, del porto. Ravenna oggi vuole riscoprire la sua vocazione turistica, ma per fare ciò bisogna dire basta agli interventi a toppe fatti finora dagli amministratori. Far rinascere Ravenna si tratta di un impegno gravoso che la squadra che si sta formando attorno a questa lista civica vuole prendersi”.

Il portavoce di Fratelli D’Italia, Luciano Fosci, sottolinea che il suo movimento “aderisce a questo progetto per governare la città con idee e lealtà. Io arrivo da una lunga esperienza nel settore dell’agricoltura, che mi ha formato negli anni e mi ha insegnato a vedere il Comune come una casa dove il cittadino può avvicinarsi ed essere difeso. A Ravenna non è così, perché gli amministratori fanno solo i loro interessi e pensano solo ai suoi dirigenti, riducendo la nostra città come una Ferrari parcheggiata nel garage, tenendo nascoste le sue enormi risorse. Appoggio Bucci perché in lui vedo un sindaco di tutti, mentre finora Ravenna è andata sempre verso amici degli amici. Vogliamo fare rinascere la nostra città, facendo vivere i cittadini in una situazione di sicurezza, in particolare nel forese, dove negli anni abbiamo chiuso numerose caserme.

Il sindaco deve far sì che il territorio diventi più sicuro. Alcuni altri passi da compiere sono la lotta all’abusivismo, le verifiche sulle aziende controllate dal pubblico come le Farmacie comunali, i controlli sulla regolarità degli appalti, mettere a posto le strade, promuovere Ravenna all’estero, borse di studio per i giovani studenti. Questo è un progetto nuovo in cui sono i partiti che si affiancano a una lista civica, non il contrario. Non capisco infine il senso dell’alleanza tra la Lega e Ancisi, anzi tra Pini e Ancisi, ma l’impressione è che sia una unione guidata dal PD… Il Comune deve essere un rifugio, non un nemico, e la speranza è che la ‘Pigna’ allarghi le sue alleanze”.

Un auspicio, questo, condiviso anche da Mauro Bertolino, esponente di Forza Italia presente tra il pubblico della conferenza stampa, che spiega come “anche nel nostro movimento ci sia una forte voglia di cambiamento, che potrebbe in futuro sposarsi molto bene con il progetto della ‘Pigna’”. A questo proposito, Bucci chiude dicendo che “le nostre porte sono aperte a Forza Italia e la sua mancata adesione alla nostra lista non è avvenuta per colpa nostra. C’è disponibilità pure nei confronti della Lega Nord, anche perché la maggioranza dei leghisti non capisce questa strana alleanza con un movimento che fa una statica opposizione da quasi cinquant’anni. Noi siamo il nuovo”.