La decisione. La certificazione non è stata data a nessuna delle due liste contrapposte

Il Movimento 5 Stelle non si presenterà alle amministrative 2016 di Ravenna. La notizia proviene dal sito beppegrillo.it, da un post dove sono elencati, da Benevento a Trieste, le liste certificate in 16 capoluoghi di provincia (a Milano e Varese continua la fase di certificazione) e i nomi dei candidati alla carica di sindaco. Anche a Caserta, Latina, Rimini e Salerno il Movimento non ci sarà.

“Ravenna deve essere molto più dispiaciuta di me”, ha commentato su Facebook Pietro Vandini, capogruppo in consiglio comunale e sostenitore di Michela Guerra, che era stata designata come candidata sindaco. Poi la nascita di un’altra lista guidata da Francesca Santarella, anche lei attualmente in consiglio comunale.

 

AGGIORNAMENTI

 

“Dopo lunga e sofferta attesa, il responso in merito alla certificazione della lista di cui ero stata nominata portavoce non dà spazio a molte repliche – ha reso noto Francesca Santarella. La lista, inviata secondo i dettami previsti dal Movimento 5 Stelle, è stata presentata nella speranza che anche a Ravenna potessero continuare ad essere perseguiti i princìpi di onestà, tutela dell’interesse pubblico, impegno, rigorosa coerenza, studio e proposte concrete con cui ho sempre cercato di onorare il mio incarico nelle Istituzioni.

Preso atto del giudizio, l’osservanza di questi stessi princìpi mi impone ora di rimettere il mandato. Per questi ultimi mesi, se lo vorrà, continuerò a collaborare con il consigliere entrante in merito alle tematiche a cui stavo lavorando (tutela delle pinete ed aree umide, variante RUE, PGTU, porto, estrazioni idrocarburi, convenzioni culturali, benessere animale ed altro). Resta fissato l’appuntamento del 10 aprile con l’iniziativa a Lido di Dante del coordinamento nazionale 5 Stelle “Giù le mani dal nostro mare”.

Con molto rammarico – conclude la grillina – ringrazio della fiducia i tanti cittadini che hanno partecipato alla costituzione della lista e collaborato con me in questi anni, scusandomi per gli errori che posso aver commesso”.