Foce Bevano

Il sindaco: “Sversamento in atto da ieri”, si cerca di individuare il punto.

 

Continuano il monitoraggio e gli interventi nella zona del Bevano interessata dallo sversamento di idrocarburi. “Questa mattina mi sono recato,  insieme all’Assessore al Turismo Massimo Cameliani, alla foce del fiume Bevano, per vedere di persona gli effetti dello sversamento di idrocarburi nel torrente che è in atto da ieri e che non trova origine nel territorio del Comune di Ravenna”, fa sapere il sindaco Fabrizio Matteucci.

“Per ora gli effetti dello sversamento, che è ancora in corso, non appaiono rilevanti, ma per ragioni precauzionali rimane in vigore la mia Ordinanza di divieto di balneazione alla foce del Bevano.

Alle ore 12 i tecnici di Hera, del Servizio Tecnico di Bacino e della Protezione Civile hanno ultimato la realizzazione di uno sbarramento con panne sul Bevano all’altezza di San Zaccaria. Nel pomeriggio è in programma la realizzazione di un secondo sbarramento con panne sul Bevano presso Savio all’altezza del ponte sulla ex SS16.

Sono in corso le attività di ricerca per individuare il punto della ‘perdita’ di idrocarburi, probabilmente nafta, che anche se non dolosa è a mio giudizio colposa , con potenziali effetti, che in questo momento non si profilano significativi, su una delle più belle zone naturalistiche d’Europa.

Il Comune monitora la situazione in costante contatto con il Prefetto di Ravenna e  le Autorità Competenti”.