Nel pomeriggio di ieri

La Casa Circondariale di Ravenna ha aderito anche quest’anno alla campagna di sensibilizzazione europea “Non un mio crimine, ma una mia condanna”, realizzata dall’Associazione “Bambinisenzasbarre” in collaborazione con la rete Europea Eurochips. E’ così che ieri pomeriggio si è tenuto, nell’ambito delle attività trattamentali volte a migliorare i rapporti tra genitori e figli minori, un momento d’incontro fra questi.

L’evento, realizzato presso l’ Area Verde dell’Istituto, attrezzata allo scopo, è stato reso possibile grazie alla sinergia tra la Direzione del Carcere e il Comune, l’Associazione “Perepè tazum”, il Comitato Pro Detenuti e Famiglie ai quali la Direzione indirizza “I più vivi ringraziamenti per la grande sensibilità dimostrata. Grazie, infatti, alla loro opera si è riusciti ad animare la festa, in un clima di grande emozione, con la partecipazione di clown e con la realizzazione di una merenda a base di pizza e dolci”.