L’intervento del consigliere provinciale Gianfranco Spadoni

“Al documentato calo dei consumi e alla perdurante crisi ancora non superata,  per il piccolo commercio si aggiunge la sproporzionata  invadenza della grande rete distributiva colpevole di togliere ossigeno vitale alle piccole attività tradizionali”, esordisce così in una nota stampa Gianfranco Spadoni, consigliere “Civici” della  Provincia di Ravenna, che continua: “Il polo commerciale per eccellenza non è più il centro storico prepotentemente sostituito da una fitta serie di grandi strutture commerciali  artatamente collocate nelle principali  vie di comunicazione. Come non bastasse il Piano di mobilità sostenibile è l’ennesimo regalo dell’amministrazione comunale con i vari  provvedimenti restrittivi riguardanti le nuove zone a traffico limitato ZTL. Oltre al regalo offerto al centro storico e alle sue attività commerciali con la chiusura di piazza Kennedy, infatti, si punta a estendere le zone a traffico limitato con tutta una serie di provvedimenti limitativi contenuti nel Piano di mobilità che certamente non favorisce il commercio, ma lo penalizza seriamente. E il danno  si ripercuote anche sui corrieri di rifornimento delle merci con orari più ridotti e probabili costi aggiuntivi per loro stessi e per le imprese. A questo proposito alcuni studi fatti per conto dell’amministrazione comunale di Ravenna avevano previsto  un polo servizi di distribuzione delle merci con piattaforma logistica a ridosso del centro urbano con collegamenti mediante mezzi di trasporto non  inquinanti, attraverso i quali si potevano soddisfare le esigenze di approvvigionamento: come mai tali sistemi non sono stati almeno  sperimentati?

In questo scenario, alle serie problematiche riferite agli operatori del centro storico, andrebbero aggiunte anche quelle riguardanti i negozi di vicinato e del forese ormai completamente scomparsi a discapito delle famiglie residenti nelle varie frazioni”.