La Sala Dantesca della Biblioteca Classense
La Sala Dantesca della Biblioteca Classense

Dalla UISP alla Croce Rossa, da Linea Rosa al gruppo Agesci Ravenna 3

Le associazioni ravennati sono in prima fila al Siria Day, la giornata promossa da Cuore e Territorio e Ravenna24ore.it in compartecipazione con il Comune di Ravenna per tenere accesi i riflettori sul dramma del popolo siriano. In particolare hanno voluto dare il loro contributo la Croce Rossa Italiana, con il suo Comitato di Ravenna, la UISP Atletica Leggera, l’associazione Linea Rosa e il gruppo “Agesci Ravenna 3”.

CRI

La Croce Rossa Italiana – Comitato di Ravenna partecipa all’organizzazione della marcia, cercando di raccontare qualcosa dell’operato del personale dell’associazione nelle zone “calde”. La CRI fa parte infatti del Comitato Internazionale di Croce Rossa, che quotidianamente si adopera in supporto della Syrian Arab Red Crescent (SARC).

Nell’incontro delle ore 17 presso la Sala Dantesca della Biblioteca Classense, con Diego Carangio, Senior Programme Officer – Desk for Middle East and Africa CRI, si parlerà proprio di come la vita degli stessi operatori sia ogni giorno a rischio nel tentativo di far giungere aiuti umanitari alla popolazione.

La mostra fotografica, che alle ore 16.30 sarà presentata presso il Chiostro della Biblioteca Classense, invece, ritrae proprio gli operatori della Mezzaluna Rossa Arabo Siriana (SARC).

UISP

La UISP Atletica Leggera promuove l’iniziativa del Siria Day con il supporto organizzativo abbinando nella staffetta la passione per la corsa alla solidarietà. Nella pratica sportiva della staffetta vengono infatti esaltati il passaggio di un testimone e la forza del singolo, ma al servizio del lavoro di squadra.

L’associazione intende portare all’attenzione il dramma dei bambini vittime di guerra e intende avviare anche un progetto di “scolarizzazione” per i bambini Siriani in Italia.

Linea Rosa

Linea Rosa sottolinea ancora una volta il dramma dei bambini siriani, vittime innocenti di una guerra crudele e senza fine. Secondo l’Unicef i bambini da salvare dallo scontro in Siria sono almeno 35mila e, anche se tutti si commuovono davanti ai loro grandi occhi tristi, ad oggi non sono ancora emerse strategie risolutive per arginare una situazione umanitaria ormai alla deriva.

La Camminata di Solidarietà è organizzata proprio nel nome di questi bambini che sperano in un futuro che a molti di loro sarà negato.

Agesci

Il Gruppo AGESCI Ravenna 3 partecipa con convinzione alla marcia in favore dei bimbi siriani nella speranza che molti cittadini e cittadine si uniscano. Il gruppo sottolinea come sia necessario uscire all’aperto per scuotere un le coscienze, per uscire dall’indifferenza, per sollecitare l’attenzione di tutti alla conoscenza, alla solidarietà e all’aiuto, costruendo ponti per una rinnovata speranza di pace.

L’obiettivo è quello di far sapere a tutti e in particolare ai bambini e ragazzi, che esistono dei diritti che noi consideriamo scontati e che in quei territori sono preclusi: casa, salute, cibo, istruzione.