Un 54enne accusato di esercitare abusivamente la professione, senza laurea

I Carabinieri del Nas hanno sequestrato uno studio dentistico in piazza Einaudi a Ravenna e denunciato tre persone. A renderlo noto nei giorni scorsi i maggiori quotidiani e ieri il sito Odontoiatria33, nel quale è riportato un intervento del presidente ravennate della Commissione Albo Odontoiatri (Cao), che ha effettuato la segnalazione. Lo studio, facente capo ad una società padovana, sarebbe stato privo dell’autorizzazione necessaria in quanto revocata in relazione alla documentazione richiesta. L’attività dello studio però è continuata: anche attraverso un 54enne padovano, accusato di esercitare la professione senza laurea e quindi denunciato; assieme al direttore sanitario della struttura -  un odontoiatra bolognese 44enne – e alla titolare, 49enne, della srl. “Come Ordine – commenta tra l’altro il presidente Cao di Ravenna Giorgio Papale – siamo sempre in difficoltà nel riuscire a verificare non solo la presenza del direttore sanitario all’interno di questi Centri ma anche se questi svolgano la direzione in una sola struttura”. “Spesso sono iscritti ad Albi di altre Regioni ed i controlli diventano complicati e nel mentre la struttura, magari, lo ha sostituito con un altro. Serve una più stringente regolamentazione sulle Società che operano in odontoiatria con l’obbligo iscrizione all’Ordine così come il direttore sanitario dovrebbe poter assumere l’incarico solamente se iscritto all’Ordine della provincia dove la struttura esercita”.