L’Olimpia Teodora cede per 3-0 e viene raggiunta in classifica

Torna senza punti e con una prestazione da dimenticare in fretta da Cutrofiano la Conad Ravenna, sconfitta e raggiunta in classifica dalle padrone di casa, capaci di imporsi di fronte al proprio pubblico con un netto 3-0. Nonostante un’avversaria sulla carta non impossibile da affrontare, anche se in un palazzetto dal tifo caldissimo, l’Olimpia Teodora non dà quasi mai l’idea di essere in partita, rimanendo a contatto solo nelle prime metà dei tre set disputati.

La partita

Al fischio d’inizio entrambe gli allenatori confermano i loro sestetti titolari e il primo set parte in equilibrio. Ravenna si porta subito 1-3 con due punti di Gioli, ma entrambe le squadre giocano contratte e si trovano in parità sul 6-6. Cutrofiano mette la testa avanti, ma la Conad resta attaccata fino al 17 pari, poi i troppi errori delle ospiti permettono alle pugliesi il decisivo parziale di 5-0 che chiude il primo set per 25-19.

Il copione del secondo periodo è più o meno lo stesso, la parità regna sovrana fino al 13-13, ma le padrone di casa sono più attente e sfruttano l’entusiasmo trasmesso dai loro tifosi per volare sul 17-13. Coach Caliendo prova a inserire Ubertini per Aluigi e, poco dopo, cambia la regia con Vallicelli per Agrifoglio, ma il risultato non cambia e il parziale diventa addirittura di 9-0. Sul 22-13 Cutrofiano può amministrare il largo vantaggio e, mentre tra le ospiti rientra Agrifoglio al palleggio, il set termina sul 25-18.

La terza frazione si apre ancora con i troppi errori delle ravennati, con le padrone di casa che possono agevolmente portarsi avanti sul 6-3. L’Olimpia Teodora ha una reazione, ritrova la parità a quota 9 e si porta anche avanti 9-11, ma il set prosegue punto a punto. Aluigi e Bacchi firmano un nuovo allungo sul 20-22, ma è l’ultimo sussulto ospite perché Moneta trascina Cutrofiano al pareggio e al sorpasso, poi chiude il match al secondo tentativo per 25-23.

La dichiarazione

Al termine del match Coach Nello Caliendo non lascia spazio a giustificazioni: “Basta leggere i numeri per capire che con 27 errori in tre set non si può vincere. Ovviamente si guarda avanti e si cerca di trovare soluzioni, sia a livello tecnico sia come atteggiamento. Di sicuro non fa piacere a nessuno perdere. Sappiamo che fa parte del gioco e anche i risultati degli altri campi ci danno la conferma che stiamo giocando un campionato difficile. Però, se si vuole essere protagonisti, e per protagonisti non intendo solo giocare per il vertice, si deve sempre giocare al massimo, sia che si giochi per la promozione sia che si giochi per la salvezza. Questo è un concetto che deve essere chiaro e da questo dobbiamo ripartire”.

Il tabellino

Cuore di Mamma Cutrofiano – Conad Olimpia Teodora Ravenna 3-0 (25-19, 25-18, 25-23)

Cutrofiano: Negro (U), Lotti 9, Moneta 8, Saveriano 1, Manzano 11, Barbagallo (L), Antignano 4, Lutz 15. N.e.: Vincenti, Gorgoni (U), Faraone (L), Morone. All.: Antonio Carratù. Vice all.: Giuseppe Progna.

Muri 9, ace 2, battute sbagliate 5, errori ricez. 1, ricez. pos 57%, ricez. perf 32%, errori attacco 4, attacco 36%.

Ravenna: Bacchi 11, Zamora 12, Gioli 12, Torcolacci 6, Agrifoglio 1, Calisesi (U), Canton, Rocchi (L), Aluigi 6, Ubertini, Vallicelli. N.e: Altini, Lombardi, Mendaro. All.: Nello Caliendo. Vice all.: Francesco Guarnieri.

Muri 7, ace 1, battute sbagliate 8, errori ricez. 2, ricez. pos 52%, ricez. perf 30%, errori attacco 13, attacco 34%.

Durata set: 24‘, 22’, 28’; tot. 74‘

Arbitri: Massimiliano Giardini e Sergio Jacobacci