Netta sconfitta per 3-0 contro la capolista per i ravennati

Termina con una netta sconfitta per 3-0 la trasferta in casa dei campioni d’Italia in carica della Consar Ravenna, che solo nel secondo set riesce a impensierire la capolista della Superlega. I ravennati non riescono nell’impresa di sovvertire il pronostico contro una Sir Safety desiderosa di riscattare il KO della scorsa settimana contro Monza.

La partita

I padroni di casa partono a tutta e volano 6-1 sul turno al servizio di Atanasijevic, poi con quello di Leon si ripetono innalzandosi 11-2 in un primo set senza storia. Con un super 62% in attacco Perugia non lascia spazio per rimontare alla Consar e, anzi, allunga ulteriormente, conquistando poi il primo parziale con un roboante 25-11.

In avvio di secondo set Graziosi getta nella mischia Lavia e Ravenna trova un approccio ben diverso, portandosi sul 0-4 grazie alle battute di Poglajen. Leon riduce subito le distanze, ma nella seconda frazione sono gli ospiti a restare avanti, costringendo Bernardi al timeout sul 9-12. L’ace di Lavia issa il porto RoburCosta sul 12-17, ma Perugia non molla nulla e, prima resta a contatto sul 15-17, poi con lo straripante Leon impatta a quota 20. Un muro di Atanasijevic regala anche il vantaggio ai padroni di casa, ma con Rychlicki e Lavia è Ravenna a guadagnarsi due set point sul 22-24. Nel momento del bisogno però è Leon a salire in cattedra con due missili al servizio che regalano il pareggio e il sorpasso alla Sir Safety, che si porta a casa anche la seconda frazione per 26-24.

L’inizio di terzo set è equilibrato, ma è la Consar a inseguire fin da subito. Tra gli ospiti torna Raffaelli per Poglajen e Rychlicki tiene a galla Ravenna, ma nella parte centrale del parziale ancora una volta è Leon a fare la differenza. Perugia vola sul 14-9 e non si guarda più indietro fino a conquistare match e partita per 25-18 e 3-0.

La sala stampa

Al termine del match Coach Graziosi ammette: “Perugia è una delle migliori squadre del mondo; abbiamo incontrato una formazione forte e arrabbiata, in una cornice di pubblico eccezionale e perdere il primo set in quel modo ci sta; siamo stati invece bravissimi a rimanere tranquilli, sereni, in partita, abbiamo fatto un ottimo secondo set e con un po’ più di lucidità nei momenti importanti  avremmo anche potuto portarlo a casa; un paio di occasioni e di contrattacchi potevamo anche finalizzarli. Gli obiettivi tra noi e loro sono totalmente differenti. Perdere qua ci sta, importante è che abbiamo giocato e, anche se non con grandissima continuità, abbiamo dimostrato che Ravenna c’è”.

Il tabellino

Sir Safety Conad Perugia – Consar Ravenna 3-0 (25-11, 26-24, 25-18)

Perugia: De Cecco 1, Atanasijevic 13, Podrascanin 8, Galassi 8, Lanza 7, Leon 17, Colaci (lib.), Piccinelli, Della Lunga, Seif 1. Ne: Ricci, Bucciarelli. All.: Bernardi.

Ravenna: Saitta 1, Ryclichki 13, Verhees 6, Russo 5, Poglajen 2, Raffaelli 2, Goi (lib.), Di Tommaso, Argenta, Lavia 7. Ne: Elia, Smidl, Marchini. All.: Graziosi.

Arbitri: Zanussi di Casale sul Sile e Cerra di Bologna.

Note: Durata set: 20’, 31’, 24’, tot. 75’. Perugia (9 bv, 16 bs, 9 muri, 1 errore), Ravenna (4 bv, 10 bs, 3 muri, 11 errori). Spettatori 3270. MVP: Leon.