Un nuovo metodo non invasivo e soprattutto indolore

A Ravenna la colonscopia è un lontano ricordo grazie a PillCam 2 

Una novità per Ravenna ma non per la medicina: si chiama PillCam 2 ed è una novità molto apprezzata dai pazienti dell’ospedale Santa Maria della Croci di Ravenna.

Si tratta di un apparecchio (che a Ravenna è arrivato recentemente ma esiste da una ventina di anni) che ha la forma di una pillola vera e propria della misura di 27 mm di lunghezza e 11 di diametro, ma all’interno di essa non si trova una medicina, bensì due micro telecamere, una batteria, un microchip e l’antenna per la trasmissione dei dati.

A cosa serve?

Questa video capsula endoscopica è stata creata in sostituzione della tradizionale colonscopia e si è rivelata essere un metodo, oltre che efficace al 100%, indolore e non invasivo, quindi, nettamente migliore del metodo più “classico”.

Esso serve per la diagnosi non invasiva, e soprattutto indolore, di patologie intestinali come i polipi, la malattia di Crohn o la Sindrome di Peutz-Jeghers.

Com’è e come funziona la capsula

La capsula è monouso, essa viene ingoiata dal paziente il quale potrà condurre le sue normali attività in quanto tale procedimento non richiede alcun ricovero ambulatoriale durante l’uso, bensì solamente l’utilizzo di una fascia indossata sull’addome all’interno della quale è installato un registratore.

Il paziente deve ingerire la capsula a digiuno e con l’intestino pulito.

Dopodichè le due videocamere miniaturizzate filmeranno tutto ciò che “vedranno” durante il tragitto percorso all’interno dell’intestino e potranno anche ingrandire sulle zone interessate.

I dati raccolti dalla capsula saranno inviati a questo “centro di raccolta”, e quindi trasferiti dal medico sul PC per essere analizzati.

A Ravenna

Questa grande innovazione è approdata nel reparto di Gastroenterologia dell’Ospedale di Ravenna sostituendo la colonscopia.

Inoltre con tale tecnica si possono anche condurre analisi non fattibili con la colonscopia tradizionale, come per esempio l’ispezione del piccolo intestino, un tratto di 6 metri che altrimenti si potrebbe vedere dall’interno solo tramite intervento chirurgico o radiografia.

Il lato negativo?

Uno c’è.

Se, infatti, durante la colonscopia fosse stata rinvenuta ad esempio la presenza di polipi, essi sarebbero stati immediatamente rimossi, mentre le PillCam 2 non è in grado di rimuoverli. Quindi, in caso essi vengano trovati, si renderà necessaria una rimozione in un secondo tempo.