Tribunale Ravenna (foto di repertorio)

Le indagini condotte dalla DIA e coordinate dalla Procura di Ravenna

La DIA di Bologna sta dando esecuzione, nelle province di Ravenna, Forlì e Brescia, ad un provvedimento di sequestro, emesso dal GIP di Ravenna nei confronti di un imprenditore ravennate, per oltre 50 milioni di euro.

Il provvedimento scaturisce a seguito delle attività di indagine condotte dalla DIA e coordinate dalla Procura di Ravenna nell’ambito dell’Operazione “MALAVIGNA”, che aveva portato, nel dicembre del 2017, all’arresto di sette esponenti di un sodalizio criminale specializzato nel riciclaggio di ingenti capitali di provenienza illecita e nelle frodi fiscali perpetrate mediante l’utilizzo di fatture per operazioni inesistenti, con il coinvolgimento di pregiudicati contigui alla criminalità organizzata foggiana.

I dettagli saranno resi noti nel corso della conferenza stampa che si terrà alle 12:00 presso gli uffici della Procura di Ravenna, alla presenza del Procuratore della Repubblica.