I vandali hanno anche tracciato un “X” nera in un murales sul volto di un bambino di colore

Vandali: svastiche e croci 

Nella notte fra lunedì, 11 febbraio, e martedì, alcuni vandali hanno compiuto un gesto dal bassissimo valore morale. 

Essi hanno imbrattato le vetrine di CittAttiva, il centro di mediazione sociale e di cittadinanza attiva gestito da Villaggio Globale e i murales visibili dai giardini Speyer. 

Sulla vetrata sono state fatte delle svastiche blu sul simbolo rappresentante la bandiera di Arcigay (una delle associazioni che hanno uno sportello in questo luogo e che organizzano iniziative per soci e per la cittadinanza).

Il murales, rappresentante una barca sulla quale navigano Galla Placidia, Dante Alighieri e alcuni migranti, è stato invece sfregiato tracciando una “X” nera su uno dei bambini migranti di colore. 

Le parole di Andrea Caccia, uno degli operatori storici della cooperativa Villaggio Globale

“È accaduto già diverse volte negli ultimi mesi. La cosa non ci spaventa – commenta Andrea Caccìa, uno degli operatori storici della cooperativa Villaggio Globale, che da anni gestisce la sede di CittAttiva –.Lo consideriamo semplicemente un gesto “stupido”. Abbiamo già in passato denunciato la cosa alla Polizia Municipale e anche la Digos è venuta a fare dei sopralluoghi”.

E ancora: “Non siamo preoccupati, perchè non siamo intimiditi da atti di questo tipo. E non ci interessa neppure enfatizzare la cosa. Se verranno ridisegnate, noi le ripuliremo.
Di certo non saranno questi atti a farci passare la voglia di portare avanti i nostri progetti.” 

Il messaggio all’autore delle svastiche da parte di Caccia

“L’unica cosa che voglio dirgli – affera Caccia riferendosi ai fautori del gesto -, è che se ha davvero qualcosa da dire, invece di passare il tempo a disegnare di notte delle svastiche sulle nostre vetrine per poi scappare, può entrare, oltrepassare quella porta, e venirci a trovare. Noi siamo favorevoli al confronto, civile ed educato”.