In casa dell’altro uomo hanno trovato cocaina, più di 4000 euro e materiale per lo spaccio

Porta a spasso un amico che è agli arresti domiciliari e a casa ha dello stupefacente: entrambi arrestati

I Carabinieri della Compagnia di Ravenna, lunedì 11 febbraio, hanno arrestato due soggetti: uno con l’accusa di evasione, l’altro per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.

In particolare nel pomeriggio una pattuglia della Sezione Radiomobile della Compagnia Carabinieri del Capoluogo ha intercettato in zona Gulli un’autovettura sulla quale hanno riconosciuto un 38enne ravennate che doveva trovarsi agli arresti domiciliari. Immediatamente hanno fermato il mezzo e si sono accertati che il pregiudicato si fosse ingiustificatamente allontanato dal luogo di detenzione.

Cocaina e soldi in casa

Nel proseguimento degli accertamenti i militari hanno notato un’eccessiva preoccupazione da parte dell’autista, un 45enne originario di Alfonsine, ma residente in città con precedenti di polizia in materia di stupefacenti.

I carabinieri hanno così deciso di perquisire l’abitazione di quest’ultimo dove hanno rinvenuto quasi 19 gr. di cocaina, in parte già “tagliata” e pronta per lo spaccio, tutto il necessario per frazionare e confezionare le dosi nonché quasi 4 mila euro verosimile frutto dell’attività illecita.

Le conseguenze per i due 

Di fronte alle evidenze raccolte i due uomini sono stati tratti in arresto.

Con la convalida del provvedimento, il Giudice del Tribunale di Ravenna, ha disposto per il 38enne la risottoposizione al regime degli arresti domiciliari mentre per il 45enne la misura dell’obbligo di presentazione giornaliera in un ufficio di polizia e la permanenza notturna presso la propria abitazione.