Investimento da 603mila euro realizzato con il contributo della Regione e della UE

Nuovo investimento di Start Romagna per garantire la sicurezza dei passeggeri del trasporto pubblico locale e degli operatori impegnati nell’espletamento del servizio. Nei bacini di Ravenna e Rimini, infatti, è stata avviata in questi giorni l’installazione di ulteriori apparati di videosorveglianza su 230 bus, che aggiungendosi agli apparati già esistenti, presenti soprattutto nel bacino di Forlì-Cesena, porteranno ad una copertura della flotta del 90%.

Realizzato con il contributo dei fondi POR-FESR della Regione Emilia-Romagna e dell’Unione Europea, l’investimento ha un valore complessivo di 603mila euro, 50% a carico di Start e 50% a carico della Regione). I lavori saranno completati entro l’anno e la nuova videosorveglianza di bordo si affiancherà al sistema di registrazione Octocam già presente a bordo di tutti i mezzi Start Romagna, che consente di filmare eventuali episodi avvenuti a bordo e all’esterno dei mezzi in caso di sinistro e che il conducente può attivare attraverso un apposito pulsante di emergenza.

L’azienda ricorda inoltre che l’utilizzo dei sistemi di videosorveglianza è regolato da appositi accordi già sottoscritti da Start Romagna con le Prefetture di riferimento, che definiscono le modalità di registrazione, conservazione ed utilizzo delle immagini registrate.