Centinaia studenti presenti nella giornata dedicata ai giovani

Ampio spazio ai giovani nella giornata di ieri, giovedì 28 marzo, all’OMC al Pala De Andrè, con un confronto aperto tra i principali protagonisti internazionali del settore dell’Oil & Gas e diverse centinaia di “professionisti del futuro”, ovvero universitari provenienti da una decina di atenei italiani, nello specifico i politecnici di Milano e Torino, La Sapienza di Roma, le Università di Pisa, Chieti, L’Aquila, Potenza, Ravenna, Trieste e Bologna, a cui si sono aggiunti anche molti altri studenti iscrittisi individualmente.

Il momento clou del programma legato ai giovani è stato la consegna, nel tardo pomeriggio, del premio relativo allo Student Paper Contest, ovvero il concorso promosso da SPE (Society of Petroleum engineers) e rivolto a master e dottorati di ricerca, per elaborati sul tema dell’Oil&Gas.

I vincitori

  • Nicolò Lontani, ravennate, del Politecnico di Milano, ha vinto la sezione master con un elaborato sul tema “VIVACE (Vortex Induced Vibrations for Acquatic-Clean Energy): Converter as a solution for the upgrading and requalification of offshore platforms”.
  • Riccardo Borghi (Saronno) sempre del Politecnico di Milano, è giunto secondo nella stessa sezione ma si è aggiudicato il premio come “Best paper overall”, legato alla migliore presentazione assoluta, con un elaborato intitolato “Sensitivity analysis and decision trees for the identification of the cause of pressure oscillations in Oil&Gas production systems”.
  • La sezione riservata ai dottori di ricerca ha visto imporsi Ali Islam, dell’Al Azar University del Cairo, per un elaborato sul tema “A new approach to improve reservoir modeling via artificial neural network”. Secondo classificato in questa sezione, Gianmaria Pio, dell’Università di Bologna, con un elaborato sul tema “Modelling liquefied natural gas pool fire”.