I due 20enni avevano sottratto materiale elettrico e accessori per cellulari da un negozio

La Polizia di Stato ha arrestato due cittadini rumeni di 20 anni, incensurati, per i reati di furto e porto di armi od oggetti atti ad offendere, dopo che, nel tardo pomeriggio di ieri, domenica 14 aprile, una Volante dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico è intervenuta presso il centro commerciale Esp, in via Bussato, a Ravenna, per la segnalazione di un furto.

Poco prima dell’arrivo degli agenti, il personale del servizio di sicurezza dell’esercizio commerciale ha fermato due persone per il presunto furto di materiale elettrico e di accessori per cellulari. Il comportamento sospetto dei giovani, era stato notato dalle guardie giurate che attraverso il sistema di videosorveglianza, ne avevano seguito gli spostamenti all’interno del negozio.

I due, che si aggiravano tra le scaffalature con fare sospetto, ad un certo punto hanno prelevato della merce da uno scaffale, e dopo essersi liberati delle confezioni ne hanno occultato il contenuto nei propri giubbotti. I 20enni dopo aver raggiunto l’uscita oltrepassando le barriere antitaccheggio, sono stati fermati dal personale addetto alla sicurezza, che poi ha richiesto l’intervento della Polizia.

I giovani, sono stati trovati in possesso di svariata merce rubata dall’interno del negozio e, inoltre, uno di loro è stato trovato in possesso di un cutter, che è stato sequestrato. Pertanto, i 20enni sono stati arrestati e su disposizione dell’A.G., trattenuti nelle camere di sicurezza della Questura. All’udienza che si è svolta oggi, lunedì 15, presso il Tribunale di Ravenna, l’arresto è stato convalidato e i due imputati sono stati rimessi in libertà in attesa del processo, che avrà luogo il 20 maggio prossimo.